Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calciomercato, Genoa: è fatta per Constant, il giallo di Mattia Destro

Genova. L’acquisto di Kevin Constant è stato annunciato da un bel po’ di tempo, ora arriva anche l’ufficializzazione del tesseramento avvenuto in Lega Calcio. Si ufficializza così anche la cessione, in comproprietà proprio alla squadra scaligera del presidente Campedelli, del difensore Francesco Acerbi.

La notizia di giornata però, è quella dell’acquisto a titolo definitivo di Mattia Destro dall’Inter. Singolare il destino di questo forte giocatore classe 1991, apprezzato molto da mister Gasperini che però lo utilizzava con il contagocce anche perché non era un giocatore rossoblù e proprio adesso che Gasperini va ad allenare l’Inter viene venduto al Grifone.

La prima metà del cartellino fu comprata dai rossoblù a Gennaio, come contropartita dell’affaire Ranocchia. Da più parti il riscatto viene considerato con un’abile mossa per poterlo utilizzare come contropartita tecnica. Nel giro di poche ore è stato annunciato e poi smentito il suo trasferimento al Siena.

Ma chi conosce Alberto Malesani sa che un giocatore delle sue caratteristiche tecnico atletiche può essere molto utile al progetto. Poi c’è anche la questione El Sharaawy con la scorta di polemiche che si è portato dieto: privarsi di un altro giovane di prospettiva potrebbe nuovamente far storcere il naso ai tifosi rossoblù.

La stagione disputata dal neo-giocatore del Milan non è paragonabile a quella giocata da Destro, ma solo fino a qualche anno fa tra i due sembrava non ci fosse confronto: con destro che da enfant prodige prima chiude la stagione da capocannoniere nella primavera dell’Inter e poi, al suo esordio in serie A contro il Chievo a Marassi, dopo pochi minuti sigla il suo primo gol nella massima serie.

Parlare di scommesse in questo periodo non è troppo indicato, ma se ci fosse da scommettere sugli assist di Constant per la finalizzazione di Destro sotto la Nord siamo sicuri che molti lo farebbero. Noi per primi.