Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, Sampdoria: il ritorno sul campo non cancella voci calciomercato

Genova. Non è ancora il momento di scrivere: finalmente calcio. Quello potrà succedere solo la mattina della prima giornata di campionato. Ma sicuramente, attorno alle voci che continueranno a rimbalzare dal calciomercato, ci saranno finalmente campi, erba, tacchetti, allenamenti e soprattutto sudore.

Ieri sono stati diramati i 30 convocati per il ritiro di Moena. Capitan Angelo Palombo, su cui pochi avrebbero scommesso sulla sua permanenze il giorno delle lacrime con il Palermo, invece è lì a condurre la nutrita truppa. Fin troppo nutrita. A fianco ai due neoacquisti del reparto offensivo, Federico Piovaccari e Cristian Bertani, ci sono ancora Nicola Pozzi e Massimo Maccarrone. E poi in ritiro andrà anche Daniele Gastaldello, che molti difficilmente vestirà la casacca blucerchiata la stagione prossima (e che dire poi di Poli, Padalino, Tissone? Il ds Pasquale Sensibile d’altronde lo ha già detto. “Nessuno è blindato”).

La preparazione atletica della Sampdoria, questa è ora una delle questioni più importanti da affiancare ai dettagli tattici di mister Atzori, sarà condotta da Carlo Simionato dal 17 luglio in Val di Fassa, appunto nel consueto ritiro di Moena.

Nessuna novità d’eccezione, se non quei 16 giocatori denominati ‘centrocampisti’ in toto che confermano quel che mister Atzori aveva già detto: 3-5-2 di partenza e non si discute (si parla ancora di calcio). Il busillis riguarda i portieri e qui entrerà in gioco l’alchimia: potranno andarsene tutti e quattro a meno che uno di loro non sia prescelto per fare il secondo a quell’uno che verrà.

Il mister Atzori ieri ha parlato di tecnica e di moduli, irrefrenabile. Parole d’ordine: squadra aggressiva.