Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Busalla, La Superba: la birra al basilico alla conquista del Giappone foto

Genova. Inseguiamo sagre e approfittiamo del caldo e del bel tempo per stare all’aria aperta cercando di allontanare sempre più anche solo il ricordo delle piogge e del freddo invernale.

Tra le varie iniziative che il territorio e la provincia genovese ha offerto in questi giorni si è svolta anche “La festa della birra” che si è tenuta a Villa Serra di Comago.

Legata alla festa, tra degustazioni e alcol, si è svolta anche una competizione: quella del miglior birrificio. La vittoria è andata a La Superba di Andrea Mura e Luca Re (che già erano arrivati terzi alla manifestazione di Vigevano “Birra sotto la torre”).

La vittoria del birrificio la Superba è stata decretata dal voto dato dagli avventori . Le due birre che la hanno garantita sono davvero molto particolari e sicuramente genovesi: una doppio malto con canditi, ciliegie e cannella ma soprattutto la “Birra Genova” una birra al basilico.

Andrea Mura ci ha spiegato che il basilico viene preso direttamente da Prà, in foglie, tritato e poi inserito nel processo di produzione della birra. La Superba è un vero e proprio birrificio che appunto Mura e Luca Re hanno aperto nel giugno del 2010 (insomma produce e fa distrubire birre, non è un pub!).

Il loro non è solo un racconto di una vittoria in una sera d’estate, ma è anche una storia di eccellenza nell’imprenditoria e nella valorizzazione del territorio.

Il loro birrificio, attraverso Timossi, distribuisce birre in Liguria, e in altre parti del nord Italia. A seguito di una presentazione alla kermesse di Slow Fish  il birrificio La Superba sta tentando la via dell’Oriente: è stato infatti loro proposto di esportare le loro birre in Giappone.

Mura che fa questo lavoro da dieci anni, sta mettendo dunque la sua esperienza a disposizione della birra, del territorio e del made in Genova. “Un lavoro che non ti fa diventare ricco – confessa – ma che comunque a differenza di altri settori non sta sentendo troppo la crisi”.