Quantcast
Cronaca

Aumento Rc Auto, Repetto: “Per Provincia scelta sofferta ma necessaria”

alessandro repetto

Provincia. Un ritocco, nella misura prevista dall’ultimo “decreto Tremonti” in materia di entrate per Regioni e Province, all’imposta RC auto, ciclomotori esclusi, per finanziare nuovi interventi sulle strade, per le scuole e a sostegno del trasporto pubblico locale, arginando così una parte dei pesantissimi tagli al bilancio delle manovre finanziarie nazionali e i rigidissimi vincoli imposti ai mutui per gli investimenti dal patto di stabilità interna.

L’ha deciso la Provincia di Genova, deliberando il provvedimento in Giunta dove è stato presentato dal presidente Alessandro Repetto e dall’assessore Monica Puttini. “La Provincia di Genova – dice il presidente Repetto – dopo il varo del decreto legislativo che ha l’ha resa possibile, ha valutato a lungo e molto approfonditamente questa opzione, certamente sofferta per il territorio, ma imposta e resa necessaria dai pesanti tagli nazionali al nostro bilancio, a partire da quelli alla compartecipazione dell’Irpef che nel triennio 2011-2013 provocheranno una riduzione complessiva delle entrate di circa 13 milioni di euro.

La drastica riduzione delle risorse nazionali ha fatto venir meno anche importanti quote di trasferimenti regionali per il trasporto pubblico locale, con una riduzione di 2,2 milioni rispetto al 2010, e per gli interventi sulla viabilità, l’edilizia scolastica e la formazione professionale. I vincoli molto rigidi del patto di stabilità interno ci hanno inoltre obbligato a un forte ridimensionamento degli investimenti finanziati attraverso l’assunzione di prestiti. Di fronte a questa situazione molto grave, che comprometteva la possibilità di realizzare molti interventi già programmati per il territorio e assicurare servizi ai cittadini, la Provincia ha scelto l’unico percorso consentito dalle recentissime norme del ministro Tremonti per garantire le risorse indispensabili al trasporto pubblico locale e per finanziare, senza mutui, importanti opere stradali e scolastiche già inserite nel piano dei lavori pubblici per il 2012-2013”.

Il gettito dell’imposta sulle assicurazioni contro la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore (ciclomotori esclusi) è stato attribuito alle Province dal 1999 e il recentissimo decreto legislativo 68/2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 12 maggio scorso “consente alle Province, a decorrere dal 2011 – dice l’assessore Monica Puttini – di aumentare questa imposta di 3,5 punti percentuali, dall’ attuale 12,5% al 16%, un provvedimento che le altre Province liguri e quasi tutte quelle italiane hanno già adottato. Noi l’abbiamo fatto solo dopo aver verificato in ogni modo che non c’erano altre strade per finanziare attività e funzioni essenziali e strategiche fortemente penalizzate dai tagli nazionali”.

La variazione dell’aliquota avrà effetto, come stabilisce la legge, dal primo giorno del secondo mese successivo a quello di pubblicazione della delibera della Provincia sul sito informatico del Ministero dell’Economia e delle Finanze (quindi dovrebbe entrare in vigore dal prossimo mese di Ottobre). Gli uffici finanziari della Provincia, sulla base dell’andamento del tributo, stimano in 1 milione di euro l’aumento del gettito per gli ultimi tre mesi del 2011 e di 7 milioni all’anno per il 2012 e il 2013. Contestualmente all’aumento dell’imposta RC Auto – su cui ha competenza la Giunta Provinciale – verrà predisposta una specifica variazione di bilancio, al voto del Consiglio la prossima settimana, in cui le risorse derivanti dall’incremento del tributo verranno destinate in modo puntuale al trasporto pubblico locale e agli interventi per le strade e le scuole.