Quantcast
Cronaca

Appalti Enac, accolta l’istanza dei legali di Pronzato: il consigliere torna in libertà

Franco Pronzato - enac

Genova. Il Gip di Roma, Elvira Tamburelli, ha accolto l’istanza dei legali di Franco Pronzato e da oggi il consigliere d’amministrazione di Enac, arrestato lo scorso 28 giugno con l’accusa di corruzione, tornerà in libertà

Il provvedimento, secondo quanto si apprende, sarà notificato in mattina a Pronzato, nella sua casa di Pegli, dove é ai domiciliari dallo scorso 11 luglio.

Pronzato ha ammesso di avere ricevuto una tangente da 40 mila euro per agevolare il rilascio del certificato di operatore aereo (Coa) alla società Rotkopf Aviation, indispensabile a quest’ultima per partecipare alla gara di appalto del servizio aereo per l’Isola D’Elba.

Intanto il consigliere ha chiesto di patteggiare la pena. Una richiesta congiunta, sua e del pm, è stata presentata al Gip, che dovrà valutarla. Pronzato, che è assistito dall’avv. Maurizio Mascia, avrebbe chiesto di concordare un anno e quattro mesi.