Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Turismo, ponte del 2 giugno: boom di presenze a Genova e in riviera

Genova. A conclusione di questo lungo ponte gli albergatori di Genova si dichiarano piuttosto soddisfatti. L’affluenza, infatti, è stata notevole sia nel capoluogo ligure che in riviera. “Non abbiamo registrato il tutto esaurito, ma ci siamo andati molto vicino. Questo anche grazie al tempo, che nonostante le previsioni negative, ha retto piuttosto bene fino a ieri – spiega Walter Mariani, presidente degli Albergatori di Genova – come ormai facciamo da diverso tempo, però, abbiamo dovuto applicare una riduzione delle tariffe per incentivare gli arrivi”. Mariani ha confermato più volte questa pratica, utilizzata insieme a una costante promozione, per mantenere la domanda.

Buono l’afflusso, ma periodi di vacanza sempre più “mordi e fuggi”. “La permanenza media non è stata di 4 giorni, ma di 2 – continua il presidente degli Albergatori – la crisi continua a farsi sentire, infatti, e benché le persone non vogliano rinunciare a qualche ora di relax, i soggiorni vengono ridotti al minimo. Nel complesso, comunque, siamo piuttosto soddisfatti per l’andamento di questo ponte”.

Boom di turisti in riviera, dove trovare una camera durante questo ponte era praticamente impossibile. I dati sono stati raccolti dagli Iat delle principali località costiere, che hanno rilevato il tutto esaurito, con qualche disponibilità solo nei grandi alberghi a 4 o 5 stelle. Presenze soprattutto italiane, in particolar modo lombarde, ma tanti anche gli stranieri, soprattutto inglesi e francesi, concentrati principalmente nelle tre località più gettonate dal turismo internazionale, cioè Santa Margherita, Portofino e Sestri Levante. “Non possiamo che esprime soddisfazione”, ha commentato l’assessore provinciale al Turismo Anna Maria Dagnino.