Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Screening oncologico: convegno Lilt per diffondere le buone pratiche di prevenzione

Più informazioni su

Liguria. In Liguria sono quasi 450mila le donne tra i 25 e i 64 anni che dovrebbero sottoporsi a screening per prevenire il cancro cervico-vaginale, circa 450mila le persone interessate allo screening del colon, uomini e donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni, oltre 200mila le donne tra i 50 e i 69 anni interessate allo screening mammografico.

Nella nostra regione sono attivi da tempo programmi di screening, ma ancora molto si può fare in termini di comunicazione per incrementare l’adesione dei cittadini. Con l’obiettivo di promuovere la sensibilizzazione dei cittadini della Liguria allo screening oncologico attraverso campagne di comunicazione e di consolidare la rete tra le istituzioni attive sul territorio nel campo della prevenzione dei tumori, la LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori promuove il convegno “Screening Oncologici in Liguria. Le buone pratiche e la rilevanza della comunicazione”, che si svolgerà venerdì 17 giugno a Genova, presso la Sala delle Grida del Palazzo della Borsa.

Autorità, professionisti della sanità ed esperti di comunicazione si confronteranno per individuare soluzioni utili a migliorare la diffusione e la qualità dei programmi di screening oncologico, favorendo l’accesso e incrementando la partecipazione dei cittadini, in stretta collaborazione tra Regione Liguria, ASL della Liguria e Sezioni Provinciali della LILT.

Il convegno farà anche un primo punto sul Progetto Screening LILT in Liguria, finanziato dal Ministero della Salute proprio con l’obiettivo di aumentare l’adesione ai programmi di screening oncologico, attraverso la realizzazione di piani di comunicazione orientati alla promozione dello screening e adattati alle caratteristiche e alle necessità delle diverse Regioni.

“La prevenzione e la diagnosi precoce oggi guariscono circa il 60% dei malati di cancro, ma intensificando le campagne di sensibilizzazione potremmo arrivare a una guaribilità dell’80% – ha commentato Andrea Puppo, Presidente della Sezione genovese della LILT e coordinatore del Progetto Screening in Liguria – Grazie alla sua esperienza e alla capacità di parlare in modo semplice e chiaro di prevenzione, la LILT si qualifica come interlocutore sempre più autorevole nei programmi di pianificazione e gestione della prevenzione oncologica sul territorio”.