Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sasso scagliato contro sede Lega a Sampierdarena, Rossi: “Poteva essere tragedia” foto

Sampierdarena. Un grosso sasso è stato scagliato ieri sera contro la sede della Lega Nord di Sampierdarena mentre era in corso una riunione. Il fatto è accaduto intorno a mezzanotte e mezza, dopo una cena dei militanti della sezione Lanterna, organizzata dal capogruppo del Municipio Centro Ovest Davide Rossi.

“Mentre la riunione post cena sull’organizzazione dei prossimi eventi sul territorio stava per concludersi, un grosso sasso ha infranto le vestrate della finestra centrale, spaventando gli intervenuti, fra i quali anche donne, anziani e ragazzini – spiega Rossi – una bravata che poteva diventare tragedia e che grazie alla Divina Provvidenza, non ha causato alcun ferito. Resta il fatto vergognoso, l’ ennesimo di una lunga serie che condanno in modo fermo, auspicando in una giustizia che punisca in modo esemplare chi ha commesso questo gesto inqualificabile”.
“Questo è il simbolo di un clima politico brutto, che non può assolutamente continuare e che va fermamente condannato da tutti al fine di mettere davvereo alla berlina chi fa politica razzista e xenofoba di sinistra verso gente comune, che presta il proprio tempo, per amore del territorio e della democrazia che si riconoscono nei valori del federalismo, nell’ amore delle tradizioni e dell’ onestà – conclude Rossi – di sicuro questo gesto non modificherà di una virgola il progetto di radicamento della Lega in tutta la città, che vedrà presto l’inaugurazione di nuove sedi e non scalfirà le fermezza e l’impegno nel portare avanti le nostre iniziative su Sampierdarena anche in tema di immigrazione, sicurezza, chiusura dei circoli, dei night, delle sale scommesse e del centro sociale Zapata, che come Capogruppo di Municipio ho promesso ai miei cittadini, ma che, anzi ci sprona ad andare avanti a ragionare anche su altre tematiche, quali la difesa dei presidi socio sanitari del territorio e perchè no si Sampierdarena Comune autonomo”.