Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Protesta Fisia, i lavoratori: “L’azienda non sta pensando realmente al rilancio”

Genova. Sono forti le preoccupazioni dei dipendenti di Fisia Italimpianti, che durante lo sciopero di questa mattina con manifestazione in piazza De Ferrari, sono stati ricevuti dall’assessore regionale al Lavoro Enrico Vesco.

“Abbiamo rifiutato l’accordo proposto dall’azienda perché vogliamo mantenere il diritto di segnalare, come abbiamo fatto già con la Regione da cui siamo stati ricevuti, la nostra preoccupazione per questa azienda che negli ultimi anni ha dismesso alcune tecnologie, tipo il trattamento acqua e trattamento rifiuti e bonifiche, e si è concentrata sul solo prodotto della dissalazione, nella quale siamo comunque leader mondiali e abbiamo tre impianti da ultimare”, spiega Roberto Rossi, delegato Rsu Fisia Italimpianti.

“Negli ultimi anni, però, non sono proseguiti i lavori e anche in questo trimestre in cui il mercato si sta un pochino allargando, secondo noi, l’azienda ha commesso qualche ingenuità o errore e siamo stati omessi dalle gare – continua – Da questo nasce la nostra preoccupazione e il sospetto che l’azienda non stia realmente facendo tutto quello che è necessario fare per il rilancio”.

“In più c’è la cassa integrazione, perché a pagare siamo sempre noi. Abbiamo chiesto di alleviare quest’anno, sia dal punto professionale che remunerativo, con il contratto di solidarietà, che consente di aver maggior recupero salariale e una garanzia di rimanere sul lavoro. Il fatto che l’azienda non l’abbia concesso ci preoccupa ancora di più perché evidentemente non hanno intenzione di metterci a nostro agio, ma probabilmente hanno intenzione di favorire ancora una volta l’allontanamento di personale, costretto poi a lasciare la città e la regione”.

Jenny Sanguineti – Alberto Maria Vedova