Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Materia astratta spaziale”: a Genova la mostra di Milena De Martino

Più informazioni su

Genova. Sabato 28 Maggio 2011, alle ore 18, presso la Galleria Arte Studio di Michele Campanella (Piazzetta San Giovanni il Vecchio 2, Genova, tel. 010 2534138; Internet: www.galleriartestudio.it), inaugurerà la mostra personale di Milena De Martino, “Materia astratta spaziale”, che arriva dopo il successo della precedente personale “Lo Spazio dei Colori”. «Fin dall’infanzia – racconta Milena De Martino – l’arte mi ha donato emozioni e serenità. Ho partecipato a concorsi di disegno e pittura, vincendone alcuni. Ho frequentato il liceo Artistico perché pensavo che l’arte fosse ciò che più mi interessava nella vita. In seguito ho conseguito la laurea in filosofia. Mi aveva affascinato l’aspetto teorico, ad esempio la storia dell’arte e in generale l’indagine sul pensiero dell’uomo visto dai filosofi. Ho conseguito un master in filosofia orientale detto reiki ed ho continuato a creare sempre, facendo “poesia visiva”, esponendo in varie gallerie d’Italia». L’autrice si sta concentrando su una pittura più informale che riquadra immagini di oggetti spaziali: “galassie, comete, stelle”. «L’amore per il lontano, come diceva Nietzsche, mi sta convincendo e cerco di trasmetterlo attraverso la mia creatività».

MILENA DE MARTINO. Profilo

Milena De Martino è nata a Genova nel 1972. Si è diplomata al Liceo Artistico “Barabino” e, successivamente, si è laureata in Lettere e Filosofia presso l’Università di Genova nel 2001. Dopo la laurea, ha conseguito un master in Filosofia Orientale detto Reiki. Ha quindi iniziato a occuparsi di “poesia visiva”, anche utilizzando la tridimensionalità. Oggi si occupa di pittura a olio, seguendo un percorso che ha intrapreso da quattro anni. Le piace raffigurare immagini spaziali di galassie, per esprimere i concetti di velocità della luce e lontananza abissale. In Salita del Prione sono esposte tredici sue nuove opere, più una serie precedente.