Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, “Ho trovato un nonno”: al via progetto per nuovi affidi familiari

Più informazioni su

Genova. E’ stato sottoscritto quest’oggi il protocollo d’intesa tra Comune di Genova e l’associazione Auser per la realizzazione del progetto di affido familiare “Ho trovato un nuovo nonno”.

A Genova ogni anno aumenta il numero di persone o di famiglie in situazione di disagio sociale, che si rivolgono ai servizi sociali con la richiesta di un sostegno che assomigli a quello che un nonno o una nonna possono dare: per esempio, accompagnare i bambini a scuola quando i genitori non possono, accudirli a casa quando la mamma per vari motivi non può assentarsi dal lavoro, o, se adolescenti, avere un sostegno in situazioni complesse.

Si tratta di nuove forme di affidamento familiare, importanti perché permettono di non allontanare i bambini e i ragazzi dalle loro famiglie, fornendo un appoggio che garantisce un importante riferimento educativo ed affettivo, utile nel processo di crescita dei minori e nel percorso di consolidamento delle funzioni di cura e di educazione dei loro genitori.

Tutto ciò concorre alla costruzione di legami tra generazioni, individuando azioni comuni tra giovani e anziani che consentano di supportarsi a vicenda con i loro diversi bagagli di esperienza.

Il Comune di Genova e l’associazione Auser hanno quindi elaborato il progetto denominato “Ho trovato un nuovo nonno”, con il quale si intende promuovere la ricerca di ulteriori risorse per “affidi familiari di appoggio”, utilizzando le risorse potenziali di donne e di uomini che, concluso il loro ciclo lavorativo, hanno maggiore tempo disponibile e possono accogliere bambini per alcune ore al giorno e/o nei fine settimana, favorendo il loro permanere nella famiglia d’origine, attraverso un sostegno che assomiglia a quello che un nonno o una nonna possono dare ai propri nipoti.

Il progetto s’inserisce a pieno titolo fra le priorità delle linee d’intervento promosse dall’Assessorato alle Politiche Socio-Sanitarie del Comune di Genova, per assicurare la maggior efficacia ed efficienza negli interventi a favore dei cittadini, a partire da quelli in stato di difficoltà, ed offrire, accanto alle agevolazioni già previste, nuove forme d’aiuto sociale alle famiglie genovesi.

Le persone interessate possono rivolgersi alla sede dell’Auser, dove potranno avere le prime informazioni utili e, successivamente, se confermeranno il loro interesse, incontrare gli operatori dei servizi sociali del Comune, per definire al meglio la loro disponibilità all’appoggio.

Non occorrono qualità specifiche, ma disponibilità affettiva e la volontà di accompagnare per un tratto di strada un bambino, aiutandolo a sviluppare o a potenziare le sue qualità e risorse.