Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fincantieri Sestri P.: la firma per il ribaltamento a mare sfuma ancora

Genova. Fumata nera per il ribaltamento a mare di Fincantieri: la firma per l’accordo non si è fatta ieri, il giorno ritenuto in un primo momento papabile per la convocazione tra le parti a Roma, né ci sono garanzie per un’altra data a partire dalla prossima settimana.

“Né a noi, né agli enti locali sono arrivate comunicazioni – commenta Bruno Manganaro, segretario Fiom Cgil Genova – tutto tace sia sul fronte del Governo, sia su quello dell’azienda”. Anche se in realtà qualche giorno fa, proprio l’Ad, Giuseppe Bono, aveva rotto il silenzio con alcune dichiarazioni che in un attimo avevano rimesso sul piede di guerra i sindacati. “Non capiamo questa scelta di voler continuare a tenere alta la tensione nei cantieri – sottolinea il sindacalista – noi siamo disposti a discutere su qualcosa di nuovo, non su questioni vecchie”. Ovvero: il piano industriale è stato ritirato e non c’è spazio per i ripensamenti. Così come non dovrebbero più sussistere problemi sull’accordo per il ribaltamento a mare. Se non fosse per un dettaglio: l’azienda non vorrebbe limiti sulla destinazione del riempimento, al contrario delle restanti parti per cui la vocazione navalmeccanica è imprescindibile.

“Sulla necessità dell’opera siamo tutti d’accordo ma se Governo e azienda continuano a ritardare la firma, significa che non siamo davanti a un problema tecnico, ma a una questione politica. Restiamo in attesa – conlcude Manganaro – vedremo cosa succederà la prossima settimana”. Dalle voci nuovamente in circolazione, martedì potrebbe essere un’altra data possibile per la firma.