Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calciomercato Sampdoria: Guberti resta, Palombo tratta con il Napoli

Genova. Mentre i diretti interessati sono in vacanza, a crogiolarsi al sole, le società, i procuratori e i presidenti tengono accese le notizie di mercato. In casa Samp, mentre alcuni tifosi sperano ancora in un miracolo ripescaggio, si vocifera sia in entra che in uscita.

Sembra che Stefano Guberti, accostato alla Juve la scorsa settimana, possa restare a Genova. Il giocatore in comproprietà con la Roma non rientrerebbe nei piani dei giallorossi e potrebbe quindi essere prelevato dalla Samp con l’acquisto dell’altra parte di cartellino per due milioni di euro.

Guberti, dal canto suo, non avrebbe problemi a restare al club blucerchiato nonostante la serie B. Nonostante tutto però la Sampdoria, una volta assicuratasi il cartellino, dovrà guardarsi dalle offerte di Juventus, Catania e Fiorenina, già molto interessate al giocatore.

Intanto, in uscita, voci sempre più insistenti vorrebbero un interessamento del Parma per Massimo Volta. L’affare potrebbe conlcudersi nelle prossime ore, soprattutto se il giocatore fosse interessato a lasciare la Samp per tornare in A.

Quasi concluso per il Napoli l’affare Palombo. Anche se il capitano della Samp volesse restare, Garrone & Co. potrebbero cederlo, visto l’ingaggio poco adatto alla Serie B. Del resto lo stesso dds Sensibile aveva affermato: “un lusso per la Serie B” .

Approfittando della situazione, il Napoli non è restato a guardare è ha subito contattato gli agenti del calciatore. Palombo potrebbe tornare alla Corte di Mazzarri, l’allenatore che lo lanciò promuovendolo regista al posto di Sergio Volpi, fino a fargli conquistare la maglia della Nazionale.

È invece confermato l’addio di Macheda. L’agente Giovanni Bia, intervenuto a ‘Radio Manà Manà’ ha infatti affermato: “Federico rimarrà al Manchester United. Per quanto ne so io i ‘Red Devils’ hanno la ferma intenzione di confermare Macheda e di non darlo più in prestito”.