Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Appalti Enac: domani Franco Pronzato davanti al gip, venerdì i tre imprenditori

Più informazioni su

Genova. Domani mattina Franco Pronzato, il componente del consiglio di amministrazione di Enac arrestato ieri dalla Guardia di Finanza nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Roma su presunte irregolarità legate a un appalto relativo all’assegnazione dei collegamenti aerei tra Roma Urbe e l’isola d’Elba, sarà interrogato nel carcere di Marassi dove tuttora è detenuto, accusato di corruzione per una presunta tangente di 40 mila euro.

Sono fissati invece per venerdì 1 luglio, nel carcere di Regina Coeli, gli interrogatori di garanzia degli altri tre imprenditori finiti in carcere ieri nel quadro degli accertamenti sulle presunte tangenti legate alla gara di appalto dell’Enac per l’affidamento del servizio di trasporto aereo per l’isola D’Elba. Si tratta Viscardo Paganelli e del figlio Riccardo, rispettivamente director e amministratore della società Rotkopf Aviation Limited, controllante la Rotkopf Aviation Italia (società che ha partecipato alla gara di appalto), e di Giuseppe Smeriglio, imprenditore vicino a Franco Pronzato, membro del cda Enac ed ex consulente di Pierluigi Bersani quando, tra il 1999 ed il 2001, fu ministro dei Trasporti, il quale sarà sentito domani a Genova. I tre imprenditori compariranno davanti al gip Elvira Tamburelli, magistrato che, su richiesta del pm Paolo Ielo, ha emesso le ordinanze di custodia cautelare. Corruzione il reato contestato agli indagati.

Al centro del caso due episodi: il primo riguarda i 40 mila euro destinati dai Paganelli a Pronzato per ottenere il certificato di operatore aereo (Coa), necessario per la partecipazione all’appalto, e consegnati al dirigente tramite l’intermediario Vincenzo Morichini, ex amministratore del consorzio di agenzie Ina Assitalia di Roma, e personaggio vicino a Massimo D’Alema. Il secondo è relativo ad una fattura da 28 mila euro per operazioni inesistenti riconducibile alla Rotkopf e per la cui liquidazione Pronzato avrebbe esercitato delle pressioni.