Tunnel Fontanabuona, Paita: “Ampio consenso dei Comuni” - Genova 24

Tunnel Fontanabuona, Paita: “Ampio consenso dei Comuni”

Fontanabuona

Regione. “Vi è un ampio consenso da parte di tutti i Comuni della Val Fontanabuona sull’ipotesi progettuale preliminare del tunnel. Il lavoro effettuato dalla società Autostrade, in particolare dalla SPEA è stato ottimo”. Lo ha detto l’assessore regionale alle infrastrutture, Raffaella Paita quest’oggi al termine dell’incontro con i Comuni interessati sulla verifica del progetto che verrà presentato in via ufficiale martedì 24 maggio alle 21 dal presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando presso il teatro di Cicagna.

“Il progetto – ha detto Paita – è apparso convincente, sia per quanto riguarda i costi, sia per il tracciato individuato e per la funzionalità dell’opera. A questo punto bisogna fare presto e bene. A breve partiranno infatti i lavori di monitoraggio ambientale nei siti interessati dal opera”.

Il tracciato del tunnel si sviluppa da Tribogna in Val Fontanabuona fino all’innesto con la A12 all’altezza dell’attuale galleria Maggio. “Il collegamento tra la Val Fontanabuona e l’innesto con la A12 – spiega l’assessore Paita – ha uno sviluppo di 7.200 metri di cui circa 5 km di nuova costruzione e la restante parte di ammodernamento della strada provinciale 22 e di una piccola variante alla strada provinciale 225 con la realizzazione di una galleria di 200 metri. Il nuovo tracciato è composto da due gallerie di 2000 e 2.600 metri con interposto un viadotto”.

“Per quanto riguarda lo smarino derivante dalla costruzione della galleria – ha chiarito l’assessore alle infrastrutture della Regione Liguria – rimarrà in sito e verrà posto agli imbocchi del tunnel”. I costi del progetto che ammonta a 2,3 milioni di euro, saranno sostenuti al 50% dalla Regione Liguria e al 50% da Società Autostrade.

“I costi dell’opera – ha aggiunto Paita – sono quantificabili in meno di 250 milioni di euro di cui 25 provenienti dai fondi Fas 2007-2013 e il resto da inserire nella convenzione unica tra ANAS e Società Autostrade come previsto dal protocollo d’intesa siglato lo scorso 13 aprile dal presidente Burlando”.

“In Italia – ha concluso Paita – il 60% delle opere infrastrutturali non viene realizzato per mancanza di condivisione, in Liguria abbiamo raggiunto accordi quasi all’unanimità su percorsi di opere come il tunnel della Fontanabuona o la Andora Finale. Per questo meritiamo il sostegno adeguato del Governo per rilanciare lo sviluppo e la crescita della nostra economia”.