Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tragedia al Giro d’Italia: Wouter Weylandt trova la morte a Rapallo foto

Rapallo. Wouter Weylandt, corridore della Leopard Trek, è deceduto a seguito di una terribile caduta durante la terza tappa del Giro d’Italia, a mezz’ora dalla conclusione della gara con traguardo a Rapallo. Il giovane belga è finito a terra ad una ventina di chilometri dalla linea d’arrivo durante la discesa del Bocco, un tratto giudicato molto tecnico dagli esperti.

Le condizioni di Weylandt sono apparse subito gravi: l’atleta è rimasto sull’asfalto esanime, forse dopo aver urtato violentemente la testa. I sanitari hanno subito tagliato il cinturino del casco e denudato il torace per praticare un lungo massaggio cardiaco. Come si evince anche dalle riprese video, il corridore ha perso abbondante sangue dalle ferite ricavate dall’impatto con il suolo.

E’ stato allertato l’elicottero “Drago” per il soccorso ed il volo in ospedale, ma il belga di 26 anni è rimasto a lungo disteso per le pratiche di rianimazione, che non hanno avuto il risultato sperato. “La caduta è ancora al voglio per determinarne l’esatta ricostruzione – ha detto il dottor del Giro, Giovanni Tredici – Appena arrivati l’abbiamo trovato già incosciente, frattura base cranica molto estesa e massiccio facciale compromesso. Abbiamo tentato la rianimazione, ma dopo 40 minuti abbiamo dovuto sospendere tutto. E’ stato assistito dai rianimatori, ma non c’è stato nulla da fare”.

Non è escluso che una piccola distrazione possa essere all’origine della tremenda caduta. Forse Weylandt si è voltato indietro e, inavvertitamente, ha picchiato con un pedale lateralmente perdendo l’equilibrio, come attestato da alcuni che hanno assistito alla scena. Saranno le indagini ad approfondire la dinamica dell’incidente fatale, che ha stritolato le emozioni di una giornata iniziata all’insegna dell’agonismo puro.

Il cerimoniale di premiazione della tappa, vinta dallo spagnolo Angel Vicioso, è stato annullato. La tappa numero tre del 94° Giro d’Italia, Reggio Emilia-Rapallo, è stata funestata da un grave lutto, mentre si sono immediatamente diffusi angoscia e cordoglio tra corridori, fan e sportivi.