Sanità, Uil Fpl a Montaldo: “Si possono eludere le leggi per strapagare i dirigenti?” - Genova 24

Sanità, Uil Fpl a Montaldo: “Si possono eludere le leggi per strapagare i dirigenti?”

uil

Genova. “Apprendiamo che l’assessore alla Sanità Montaldo difende la mancata riduzione dei ‘compensi’ dei manager della sanità del 20% prevista dalla manovra finanziaria estiva, dicendo che ha provveduto a strumenti alternativi di riduzione della spesa. Quello che l’Assessore non dice è che lo ‘strumento alternativo’ è il taglio degli stipendi del personale della sanità. Infatti, la Regione Liguria deve ai lavoratori della sanità pubblica Ligure circa 25 milioni di euro netti (36 lordi). Come sappiamo l’Assessore alla salute propone solo 6 milioni netti con accordo firmato dalla sola Cgil”. A parlare è Carlo Benvenuto, segretario regionale Uil Fpl.

“La Uil Fpl, insieme a Cisl Fp e Fsi, rivendica tutto il dovuto ai lavoratori della sanità e lo farà anche in sede giudiziale, ricordardando che la Regione deve restituire ai lavoratori della sanità circa 14 milioni netti dal 2002 al 2010 e non accantonati secondo l’articolo 40 del CCN e che deve ai lavoratori i fondi ex art. 30 di cui, all’accordo sottoscritto in data 9 marzo 2009, circa euro 10.750.000 netti (0.8 e 0.9 relativi ad anni 2008 e 2009)”, continua il segretario regionale.

“Ma la cosa più grave è che, su quest’ultima voce (10.750.000 euro), l’Assessore Montaldo ha scritto alla Corte dei Conti Regionale (7 marzo 2011 prot. PG/2011/32349), chiedendo di: ‘Chiarire il concetto di equilibrio economico finanziario., nonché l’interpretazione della correlata nozione di avanzo/pareggio di bilancio’ – ricorda Benvenuto – In pratica, per noi, l’assessore chiede se il deficit strutturale della sanità regionale può essere considerato motivo per non pagare ai lavoratori quanto dovuto. Ricordiamo che la manovra estiva ‘Tremonti’ ha bloccato, per i lavoratori del pubblico impiego, i contratti collettivi nazionali di lavoro per 3 anni, sanità compresa. E con questi chiari di luna l’Assessore blocca l’arretrato ai lavoratori dal 2002 al 2010! Vergogna! In questo incredibile contesto la Uil Fpl chiede l’impegno della Giunta Regionale per chiudere al più presto il contenzioso e far recuperare ai lavoratori della sanità pubblica i propri arretrati”.