Regione, proposta di legge Pellerano-Siri per istituire "Consulta regionale dei genitori" - Genova 24
Altre news

Regione, proposta di legge Pellerano-Siri per istituire “Consulta regionale dei genitori”

pellerano

Regione. I Consiglieri regionali della Lista Biasotti, Lorenzo Pellerano ed Aldo Siri, hanno presentato una proposta di legge di modifica alla legge regionale n. 18 Sistema educativo regionale di istruzione, formazione e orientamento promulgata l’11 maggio 2009.

“La proposta di legge – spiega Pellerano – prevede l’istituzione della Consulta regionale dei genitori ed ha come obiettivo quello di potenziare la partecipazione delle famiglie quale elemento portante per il sistema formativo, tanto più che la legge regionale 18/2009 già prevede la “Consulta regionale degli studenti”.

“Lo scopo principale della Consulta regionale dei genitori è quello di favorire, appunto, la partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola ed è composta dai rappresentanti dei genitori nei Consigli di Circolo ed Istituto nonché dai rappresentanti di Associazioni di genitori riconosciute dal Ministero, che possono rappresentare dette Associazioni nella Consulta regionale fintanto che i figli frequentano la scuola”.

“La Consulta regionale dei genitori ha il compito di formulare proposte ed esprimere pareri sulle attività di competenza regionale e valorizza il ruolo dei genitori che, grazie ad una partecipazione più attiva, possono concretizzare la loro esperienza genitoriale maturata nel mondo della scuola e formulare, quindi, proposte tese a migliorare il dialogo tra genitori, scuola, amministrazioni ed enti”.

“Solo così – conclude Pellerano – si potrà dare inizio ad un percorso condiviso tra le famiglie, le Istituzioni scolastiche e l’ Ente Regione, necessario per attuare al meglio quel processo formativo ed educativo che ha come obiettivo centrale la crescita delle nuove generazioni e che si fonda sulla collaborazione istituzionale, la concertazione e la partecipazione di tutti i soggetti interessati al mondo delle scuole, famiglia compresa”.