Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regione, presentato progetto di rifacimento galleria Ruta: un investimento da 10 mln di euro

Regione. La galleria Ruta si rifà il look. Dal 5 settembre al 3 dicembre la circolazione verrà sospesa su un binario tra Recco e Santa Margherita per consentire gli interventi indispensabili per garantire la sicurezza alla tratta.

“Questo è un cantiere molto complicato – spiega l’assessore regionale ai Trasporti Enrico Vesco – ma è necessario e non più rinviabile. E’ l’avvio di una richiesta che la Regione ha fatto a Rfi e che nei prossimi anni interesserà una parte della linea ferroviaria tra La Spezia e Genova”.

Gli interventi prevedono la rimozione completa dell’armamento (rotaie, traverse, pietrisco), verrà quindi scavato e fresato il piano piattaforma, realizzata una nuova soletta con calcestruzzo fibrorinforzato con annesso tubo drenante per lo smaltimento delle acque, quindi posato e ripristinato l’armamento. L’investimento complessivo è di circa 10 milioni di euro.

“Verrà garantita la continuità di trasporto a tutti i passeggeri, – prosegue Vesco – tutti gli Intercity resteranno con una piccola oscillazione di orario, mentre sarà inevitabile, per consentire la circolazione di tutti i convogli, togliere la fermata dell’ IC 504 a Rapallo. I notturni per Palermo saranno deviati sulla dorsale appenninica. Per i treni pendolari ci sarà una riduzione di una decina di convogli al giorno nella tratta tra Genova e Sestri lLevante, che verranno integrati aggiungendo carrozze o variando le composizioni anche fino al 50% per singolo treno, a seconda della fascia oraria”.
Prossimo passo è un incontro con i pendolari per far conoscere loro il complesso lavoro che Regione e Rfi stanno cercando di fare. “Nei prossimi giorni – conclude Vesco – presenteremo il dettaglio complessivo dell’offerta e l’orario doppio: quello fino al 5 settembre e poi quello successivo dal 5 settembre al 3 dicembre. Rfi ha assicurato che resterà entro i termini prestabiliti, lavorando anche 24 ore su 24. La Regione effettuerà alcuni step durante i tre mesi per controllare l’avanzamento dei lavori”.