Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regione, Pellerano (LB): “Dare una rappresentanza ai genitori nel mondo della scuola”

Più informazioni su

Regione. Nel corso della seduta odierna il consigliere regionale Lorenzo Pellerano (Lista Biasotti) ha discusso un’ interrogazione in cui chiede venga data applicazione della legge regionale che prevede l’istituzione della “Consulta regionale delle Istituzioni Scolastiche Autonome” (ISA).

“Sebbene siano passati quasi due anni dalla promulgazione di questa legge – dichiara Pellerano – non è mai stata convocata la Consulta regionale delle ISA, composta da trenta membri che sono espressione di una rappresentanza della scuola statale e paritaria, delle istituzioni scolastiche del primo e secondo ciclo presenti nella quattro provincie, dei dirigenti scolastici e dei presidenti di Consiglio di Istituto”.

“Di questa consulta fanno parte anche i Presidenti dei Consigli di Istituto. Sono proprio costoro che, essendo eletti tra i rappresentanti dei genitori degli alunni, possono trasferire, grazie ad una partecipazione più attiva, la loro esperienza genitoriale nel mondo della scuola e formulare, quindi, proposte tese a migliorare il dialogo tra genitori, scuola, amministrazioni ed enti”.

“E’ assolutamente necessario che tale Consulta regionale venga convocata e si riunisca al più presto; solo così, infatti, si potrà dare inizio ad un percorso, condiviso tra le famiglie, le Istituzioni scolastiche e, in questo caso, l’ Ente Regione, percorso necessario per attuare al meglio quel processo formativo ed educativo che ha come obiettivo centrale la crescita delle nuove generazioni e che si fonda sulla collaborazione istituzionale, la concertazione e la partecipazione di tutti i soggetti interessati al mondo delle scuole, famiglia compresa”.

“Mi ha fatto piacere – conclude Pellerano – notare che nel periodo trascorso fra quando ho depositato l’interrogazione ed oggi, l’Assessore Rossetti ha intrapreso un confronto con i genitori. Ho l’impressione che la mia iniziativa sia stata utile anche in tal senso”.