Sport

Pallanuoto, finale scudetto: la Carisa Savona dovrà fare a meno di Angelini

SavonaVsrecco220110514 0025

Sori. Terza e decisiva partita di finale, terza coppia arbitrale. Domani sera la gara che assegnerà lo scudetto tra Ferla Pro Recco e Carisa Savona sarà diretta dai romani Massimiliano Caputi e Attilio Paoletti. Delegato Fin sarà Picchetto. La sfida avrà inizio alle ore 20,30 e si giocherà nella piscina di Sori.

La Rari Nantes non potrà contare su Alberto Angelini, squalificato per due giornate. Il reclamo del Savona è stato rigettato “in quanto infondato, vista altresì la dichiarazione dell’arbitro Bianchi sentito telefonicamente”. La società del presidente Bruno Pisano è stata multata di 250 euro.

Una giornata di squalifica per Pietro Sciacero, allenatore in seconda della Carisa Savona, “per comportamento ingiurioso nei confronti degli arbitri”

I due allenatori, Giuseppe Porzio e Claudio Mistrangelo, sono stati ammoniti “per comportamento poco riguardoso verso gli arbitri”.

Rigettato il reclamo della Rari Nantes riguardo una possibile brutalità di Pietro Figlioli, non rilevata dagli arbitri. Il giudice “sottolinea che non possono essere valutati filmati della partita e non c’è stata nessuna descrizione nei verbali degli arbitri; dunque si trasmette l’atto della Carisa Savona per quanto di eventuale competenza alla Procura Federale e all’Ufficio del Gug”.

Ricordiamo che a seguito di gara 1 la Carisa Savona era stata multata di 120 euro “per comportamento scorretto del pubblico, tale da rendere necessaria una breve sosprensione dell’incontro”, mentre Pietro Sciacero aveva ricevuto un’ammonizione.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.