Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giro d’Italia, la quarta tappa parte nel dolore: corridori con il lutto al braccio foto

Quarto. Come ha chiesto il padre di Wouter Weylandt, il Giro d’Italia deve continuare proprio in onore del giovane ciclista belga. Alle ore 12,10 i corridori si sono riuniti sulla linea di partenza a Quarto, mentre nell’aria riecheggiavano le note del Silenzio. Sono stati minuti di forte commozione quelli che hanno preceduto il via, in cui i compagni di squadra del giovane corridore hanno trattenuto a stento le lacrime. Ma la partenza è scattata comunque puntuale e i corridori sono partiti in gruppo in direzione di Livorno, dove è previsto l’arrivo di tappa.

Tutti i corridori, con il lutto al braccio, si erano riuniti in piazzale Kennedy per espletare la formalità del “foglio firma” di partenza e poi muoversi alla volta dell’ospedale pediatrico Gaslini, dove i piccoli pazienti hanno accolto i loro beniamini con una forte incitazione, anche per sollevare loro il morale dopo la terribile tragedia di ieri. Verso le 12 erano già tutti pronti sulla linea di partenza a Quarto con un preciso obiettivo: dare il massimo per commemorare l’amico scomparso.

Nel frattempo è arrivata una notizia direttamente da Livorno. Le campane del santuario di Montenero e della chiesa di San Jacopo, al passaggio dei corridori, suoneranno a lutto in ricordo di Wouter Weylandt. La decisione è stata presa dal Comune e dalla Diocesi di Livorno. I rintocchi a lutto verranno dalla campana maggiore del Santuario mariano dedicato alla Madonna delle Grazie di Montenero (patrona della Toscana) e le campane della chiesa di San Jacopo che si trova a fianco dell’Accademia Navale e a poche centinaia di metri dal traguardo della Terrazza Mascagni.

Guarda tutte le foto qui