Genova, un elevato livello dei partecipanti ha sancito il successo di “The Top of the Ring” - Genova 24
Sport

Genova, un elevato livello dei partecipanti ha sancito il successo di “The Top of the Ring”

sport

Genova. A Marina Genova Aeroporto si è conclusa solo a notte la prima edizione del galà internazionale italiano degli sport da combattimento, iniziato la mattina di ieri.

E’ la prima volta che a Genova, F.I.Sa e WFC collaborano per realizzare un evento di questa portata. Un impegno premiato dall’affluenza degli spettatori, giunti a centinaia sulle banchine di Marina Genova Aeroporto, e dall’elevato livello tecnico dei match. Il “top” degli atleti è salito sul ring e sul tatami di questo galà, grazie a una accurata selezione dei fighters dei responsabili sportivi, Massimo Pedemonte (responsabile nazionale Shindokai WFC), Maurizio Giacalone (responsabile nazionale arbitri – giudici F.I.Sa, membro costitutivo Confederazione Europea Savate), Andrea Scaramozzino (responsabile nazionale Savate femminile) e Luigi Ilengo (direttore tecnico nazionale Savate 1° e 2° serie).

Sotto l’egida della WFC per quanto riguarda Kick K1 Thai-boxing, e della F.I.Sa per la Savate, si è così svolta “The Top of the Ring”. La manifestazione ha riscosso un grande successo per il mix d’eccezione dovuto al sito con i suoi yacht, i suoi eleganti ed accoglienti ristoranti, la gente che animava le banchine e, non ultimo, il contributo di una splendida e temperata giornata. Tutto ha contribuito alla riuscita di questo primo evento di sport da combattimento. Lo sforzo organizzativo è opera di un team che da subito ha collaborato mettendo a disposizione serietà, esperienza, capacità.

Il livello tecnico è stato di levatura eccezionale, infatti le scuole invitate a intervenire da tutta la Liguria, dal Lazio dalla Lombardia e dalla Francia sono state le più prestigiose. Le gare sono iniziate al mattino continuando ininterrottamente per tutto il pomeriggio con match di Savate assalto e Kick-light tutte le scuole hanno portato i loro pezzi da novanta dando vita a match di altissimo livello. La sfida, sempre sentita, tra Italia e Francia ha portato nella Savate momenti di euforia entusiasmante. Da segnalare il match di seconda serie a contatto pieno tra la savonese Elisa Picollo e la romana Marta Murru che, smentendo luoghi comuni sul gentil sesso, hanno dato vita ad un combattimento duro e tecnico: vittoria per la ligure ai punti.

La serata infine è arrivata e l’adrenalina è salita vertiginosamente. I match a contatto pieno sono quelli che mettono a dura prova le coronarie di tutti, pubblico, maestri, arbitri – giudici ma soprattutto degli atleti. Ad iniziare una superba esibizione di K1 dei fratelli gemelli Daniel ed Alex Ballone (quest’ultimo, a soli 20 anni, prossimo pretendente alla corona europea di K1) del Team Dojo Samurai del maestro Pedemonte che ha deliziato il palato di intenditori e non. A seguire il primo match del torneo serale di Savate-pro tra Claudio Ciraci (Usve del maestro Roberto Sette) e Alessio Murabito (Ecole de Savate del maestro Alessandri) vinto in scioltezza dal primo e qualificatosi per lo scontro finale contro il savonese Cristian Rivera (Savona Savate del maestro Scaramozzino): finale meritatamente vinta da Ciraci che così si aggiudica il titolo di campione interregionale Savate-pro.

La sfida Italia-Francia continuava in Kick tra il nizzardo Philippe Scemama ed il coraggioso David Tognetti (Team Sparta del maestro Samuel Pizzi): al francese l’onore delle armi. Da segnalare gli altri atleti del maestro Pizzi, Luis Jaramillo meritevole forse di un risicato pareggio, e la débâcle di Francesco Ciavolino che nulla ha potuto dinanzi alla superiorità fisica di Ndyaje Med (Muai-thai Centro Storico del maestro Fausto Gaggero). Inoltre encomiabili i due atleti Lorenzo Parodi (Andrea Doria del maestro Luigi Ilengo) e Marco Boz (Usve del maestro Roberto Sette) che hanno rispettivamente accettato le sfide in Kick e K1 da parte dei francesi Yohan Loiseau e Mathie Contu in stili a loro non congeniali in quanto savateurs puri e provenienti da scuole prettamente di Savate. I due genovesi strappavano la vittoria tra gli applausi ed il tifo da stadio del pubblico. Un bravo infine alla bella prova in Savate di Simone Rolla (Andrea Doria del maestro Luigi Ilengo) e Carlo Contestabile (Egoenergy del maestro Stefano Sofio). Genova è culla di questo sport ed i due atleti non si sono di certo risparmiati dando vita ad un combattimento strepitoso vinto da Rolla ai punti.

La serata è stata presentata da un ospite d’eccezione, il presidente della F.I.Sa maestro Alfredo Lallo, membro della Federazione Internazionale Savate, che si è rallegrato per il successo di questa prima edizione e ha dato appuntamento agli spettatori per un “The Top of the Ring” 2.