Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, “Tour della sicurezza stradale”: imparare fin da giovani per ridurre gli incidenti (foto) foto

Genova. La sicurezza stradale è importante e deve essere insegnata ai giovani fin dalla scuola. Per questo motivo il Comune di Genova assieme Regione Liguria, Inail e Automobile Club di Genova, ha organizzato il “Tour sulla sicurezza stradale”.

“Ogni morte sulla strada è una sconfitta delle istituzioni, – afferma l’assessore alla Città Sicura Francesco Scidone – perché non ci sono morti stupide o meno, ma evitabili se ci si comporta adeguatamente. Il Comune di Genova investe sulla sicurezza il 65% delle sanzioni per la violazione del codice della strada. In estate organizzeremo una grande campagna di comunicazione e la polizia municipale si attiverà assieme anche ai sanitari. E’ una battaglia che si può vincere con educazione stradale e repressione. Quest’anno investiremo 300 mila euro, tra fondi a bilancio comunale e fondi sul patto sicurezza”.

Il98% delle morti derivano da comportamenti inadeguati: abuso di alcool e droghe. Le strade genovesi più pericolose restano corso Europa, corso Sardegna, Lungomare Canepa e la sopraelevata, anche se quest’ultima presto sarà sorvegliata dal tutor. “Ci hanno accusato – dice Scidone – di voler fare cassa con il tutor, ma non è così: il tutor ci costa molto e serve a diminuire gli incidenti e le multe per eccesso di velocità”.

La sicurezza stradale deve essere conosciuta fin da giovani, per questo motivo si sta attivando un percorso scolastico che parte proprio dalle elementari e raggiunge gli istituti superiori.

“L’Aci inizia con i bambini di 8 anni – spiega Susanna Marotta, direttore di Aci Genova – ai quali si spiegano le regole e la sicurezza. Speriamo che con le nostre nozioni possano servire quando, più grandi, saranno in motorino o in auto. E’ necessario appellarsi alla sensibilità di tutti, soprattutto degli insegnanti. Per ora i risultati non si sanno, ma abbiamo fiducia e speriamo che possano servire”.

“Sono ancora troppi gli incidenti stradali, – afferma Alessandra Lanza, direttore generale Inail – in Liguria sono il 25%, un dato che non conforta. La firma di questo protocollo tra noi e gli altri enti che lavorano per la sicurezza stradale è molto importante per evitare gli infotuni e educare i giovani. Ci saranno bandi di concorso, percorsi guida sicura e simulazioni, che sicuramente restano più impresse rispetto a semplici corsi”.

Durante la presentazione del “Tour sulla sicurezza” si è svolto anche un corso di primo soccorso, che può aiutare in caso di incidente. Inoltre si è annunciato l’arrivo di defibrillatori negli uffici comunali e gli impiegati verranno istruiti su come utilizzarli.

Elisa Zanolli – Alberto Maria Vedova