Genova, al Galata e a villa Cambiaso due giornate dedicate a porti e arsenali - Genova 24

Genova, al Galata e a villa Cambiaso due giornate dedicate a porti e arsenali

galata museo mare

Genova. Oggi, dalle 14,30, al Galata Museo del Mare, e domani, alle 9, al salone al piano nobile di villa Giustiniani Cambiaso, sede della facoltà di Ingegneria dell’Università di Genova, si terrà il convegno “Città porti arsenali”, nell’ambito dei 140 anni della Regia Scuola Navale. Le due giornate sono organizzate dal Dicat, Dipartimento di ingegneria delle costruzioni, dell’ambiente e del territorio dell’Ateneo genovese, dall’Ordine degli Ingegneri della provincia di Genova, dal MuMa, Istituzione Musei del mare e della navigazione, e da Aipai, Associazione italiana per il patrimonio archeologico industriale.

Il 19 maggio saranno presenti Luca Borzani, presidente della Fondazione per la cultura, che esporrà le finalità del convegno; Carlo Podenzana, dell’Università di Genova, che affronterà il tema della costruzione delle navi, con riferimento alle sinergie con la Regia Scuola Navale; Pierluigi Rossetto, di Thetis, società di ingegneria veneziana, che illustrerà il legame tra l’arsenale di Venezia e lo sviluppo della città; parleranno dell’arsenale di Taranto Renato Covino, presidente nazionale di Aipai, e Antonio Monte di Ibam-Cnr, Istituto per i beni archeologici e monumentali del Consiglio nazionale delle ricerche; Stefano Tortora, direttore dell’arsenale militare marittimo della Spezia, e Sara De Maestri, ricercatrice dell’Università di Genova, esporranno una relazione sull’arsenale della Spezia; Pierangelo Campodonico, direttore del MuMa, tratterà il tema dell’arsenale di Genova; infine, il passaggio da spazio produttivo a spazio urbano dell’arsenale, con riferimento a quello del capoluogo, sarà oggetto dell’intervento di Roberto Bobbio dell’Università di Genova. Modererà Massimo Preite, vicepresidente di Aipai.

Parteciperanno all’incontro successivo Luigi Mor, amministratore delegato di Nuovi cantieri Apuania, sul tema “Cantieri, città, nuove tecnologie”; gli arsenali del nord della Francia, in particolare il caso Rochefort, saranno oggetto dell’intervento di Denis Roland (Musée de la Marine); dei cantieri reali di Siviglia parlerà invece José Manuel Nunes de la Fuente, direttore della Fundación Museo Atarazanas; modererà la prima sessione Renato Covino di Aipai. Dalle 10,30 affronteranno il tema “Arsenali e cantieri: patrimonio da conservare e risorse da valorizzare” Giovanni Acquarone, dell’Università di Genova; l’ammiraglio Felicio Angrisano; Roberto D’Agostino (arsenale di Venezia); Luigi Forcieri, presidente dell’Autorità portuale della Spezia; Renzo Guccinelli, assessore regionale allo Sviluppo economico; Luigi Merlo, presidente dell’Autorità portuale di Genova; Maria Paola Profumo, presidente del MuMa; Stefano Tortora, direttore dell’Arsenale militare marittimo della Spezia. Modererà la seconda parte del convegno Paolo Lingua, direttore di Telenord.