Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni Cogoleto, la Consulta Giovanile intervista i tre candidati sindaco

Cogoleto. La Consulta Giovanile di Cogoleto, dopo aver ricevuto numerose richieste, ha posto alcune domande “scottanti” ai tre candidati sindaco per le elezioni amministrative comunali di Cogoleto del 15 e 16 maggio. Anita Venturi, lista Uniti per Cogoleto (Pd, Idv, Psi, Prc e Udc), Paolo Bruzzone, lista Bruzzone sindaco (Pdl, Lega Nord, Cogoleto 2011) e Roberto Pansolin, lista Cogoleto c’è per la svolta (Sel) hanno risposto su importanti argomenti legati proprio al mondo giovanile, in particolare sulle politiche e sulle azioni che intendono mettere in pratica per agevolare le nuove generazioni.

Alla domanda: “Per Lei i giovani di Cogoleto rappresentano?”, ecco come hanno risposto i tre candidati sindaco. Bruzzone: “ I giovani rappresentano il futuro di Cogoleto e, pertanto, una risorsa fondamentale cui dare opportunità, prospettive, speranze. Per questo vogliamo investire sulla formazione (nuova sede dell’asilo, ampliamento della scuola), sul lavoro (completamento area industriale Molinetto e attività in ambito turistico), sulla famiglia (costruzione di case di edilizia convenzionata a prezzi calmierati, facilmente mutuabili con rate vicine o inferiori al prezzo di affitto), sulla qualità della vita (cittadella dello sport, manifestazioni culturali e musicali, spiaggia dello sport, centro di aggregazione giovanile).

Pansolin: “Una gigantesca risorsa!!! …Basta vedere la mia lista…Età media 31 anni! Le altre due liste invece…Scusate, ma in questo caso devo dire: fatti, non parole! Il mio vero e unico obiettivo è far crescere i giovani per essere un domani buoni amministratori”.

Venturi: “Portatori di rinnovamento e di ricambio, testimoni di quella ‘passione politica’ che vince l’indifferenza e forma cittadini consapevoli”.

Che progetti ha riguardo l’occupazione, specialmente per quella giovanile? Bruzzone: “Riteniamo che Cogoleto debba diventare un paese turistico e pertanto molti posti di lavoro i nostri ragazzi li troveranno nelle attività legate al turismo (commercio,  spiagge libere attrezzate, ufficio turistico, servizi alberghieri e ristorazione).  E’ evidente peraltro che occorre realizzare posti di lavoro “365 giorni all’anno”. A tal scopo vogliamo completare la zona industriale del molinetto incentivando le imprese che assumano manodopera locale. Altri spazi occupazionali si avranno nell’ambito dell’assistenza agli anziani (ampliamento “Baglietto”) e ai bambini (asili pubblici e privati)”.

Pansolin: “L’unica cosa che può fare un’Amministrazione piccola come quella di Cogoleto è dare a disposizione aree dove creare lavoro ed aumentare le risorse economiche nel comparto turismo. Questa domanda avrebbe bisogno di più spazio che solo un dibattito ti da l’opportunità di spiegare bene il progetto”.

Venturi: “Salvaguardare dei posti di lavoro esistenti, promuovere nuova occupazione legata al turismo, alle imprese eco-compatibili e alle tecnologie innovative. Sostenere le iniziative delle piccole e medie imprese con le caratteristiche di cui sopra e quelle del terzo settore in sintonia con gli enti sovracomunali che hanno competenze sul lavoro e sull’impiantistica relativa ad agevolare le attività produttive”.

Queste sono soltanto due delle domande a cui hanno risposto i tre candidati, ma l’intervista totale, in cui vengono poste molte domande, anche su fatti concreti, come la realizzazione di una caserma dei carabinieri, di una nuova scuola e di un nuovo palazzo comunale, è visionabile sulla pagina ufficiale di Facebook della Consulta.