Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cgil su scontri a Principe: “Inammissibile la violenza, non è così che si trasmette il rispetto per le istituzioni”

Genova. A seguito di quanto verificatosi nel pomeriggio di venerdì scorso, la Camera del Lavoro di Genova intende sottolineare che i cortei e la manifestazione organizzati dalla Cgil (che hanno visto la partecipazione di migliaia tra lavoratori, pensionati, studenti) si sono svolti nella mattinata in maniera del tutto pacifica. La Cgil è aperta ed interessata ad aver occasioni di dialogo e confronto con chi condivide le sue istanze e a far crescere un clima di opposizione democratica alle politiche sociali ed economiche di questo governo, nell’interesse di lavoratori e pensionati.

“Stiamo praticando, non solo a parole, scelte di doveroso interesse verso l’universo giovanile per meglio capire i disagi che in questi anni le sciagurate politiche governative hanno creato ed elaborare assieme proposte. E’ chiaro che chi manifesta con noi deve condividere le nostre regole e i nostri metodi: cosa che è puntualmente avvenuta il 6 mattina – spiegano in una nota – Giudichiamo inammissibili gli incidenti del pomeriggio. Nel condannare ogni forma di violenza da qualunque parte arrivi, crediamo però che esistano gradi di responsabilità diversi che vanno, dunque, in tal modo esercitati. Come debbono esserci reazioni commisurate alle infrazioni commesse”.

“Sconcertanti a tale proposito le dichiarazioni apparse sulla stampa del comandante della guardia di finanza: se queste sono le concezioni di chi dovrebbe avere maggiori responsabilità, siamo fortemente preoccupati. Genova sarà nei prossimi mesi sede di importanti appuntamenti internazionali nel segno del dialogo, dei diritti, della pace – si legge ancora nella nota – Non è usando violenza che si prepara il clima giusto e si trasmette rispetto per le Istituzioni. Ci permettiamo di chiedere al Questore, al Prefetto e alla Procura, se nei giorni scorsi è stato fatto tutto quanto nelle loro facoltà per prevenire ed assicurare lo svolgimento pacifico anche delle manifestazioni del 6 pomeriggio. La nostra organizzazione è sempre disponibile ai confronti che si riterranno opportuni. Chiediamo anche a questi giovani, a queste associazioni, di riflettere e lavorare affinché gli appuntamenti futuri si possano svolgere in modo pacifico, per non dare pretesti per provocare spropositate reazioni, che inevitabilmente danno fiato ad alcuni, soliti noti, sciacalli della ‘politica’ cittadina”.