Sestri L. Bonifica miniera Libiola, Garibaldi (Pdl): “Necessario intervenire” - Genova 24
Altre news

Sestri L. Bonifica miniera Libiola, Garibaldi (Pdl): “Necessario intervenire”

gino garibaldi consigliere regionale pdl

Sestri Levante. Il Consigliere regionale del Pdl Gino Garibaldi, insieme agli altri consiglieri regionali del Pdl, ha presentato un’interrogazione urgente sulla mancata bonifica dell’ex Miniera di Libiola di Sestri Levante. Con il suo documento l’esponente del Popolo della Libertà chiede alla Giunta regionale come mai dal 2005 ad oggi nessun intervento di bonifica è stato effettuato sulla cava che già nel 2004 l’Arpal aveva certificato evidenziava il superamento dei valori previsti dalla normativa vigente in fatto di norme ambientali.

“Quanto emerso su questa vicenda – dichiara il consigliere regionale – è grave perché il comune di Sestri Levante ha utilizzato tale area come discarica di rifiuti solidi urbani e negli anni 70-80 molto poco si sapeva in fatto di raccolta differenziata. A novembre del 2005 fu stipulato un accordo di programma tra Ministero dell’Ambiente, Regione Liguria, Provincia di Genova e Comune di Sestri Levante per la bonifica ed il recupero ambientale del sito”.

I lavori, fa sapere Garibaldi, avrebbero dovuto essere avviati a gennaio del 2006 per concludersi a giugno del 2007: “Per queste operazioni – spiega il consigliere – erano stati stanziati 450 mila euro che, secondo l’accordo di programma, dovevano essere ripartiti a metà tra Regione e Ministero”.

“Vorrei capire – precisa l’esponente del Pdl – che fine hanno fatto questi 450 mila euro e come mai nulla è stato attivato per procedere alla bonifica di queste cave. Inoltre, alla luce delle allarmati notizie sul possibile inquinamento delle falde acquifere, voglio sapere se la Giunta regionale intenda intervenire: come e quando. La situazione è preoccupante, non è più tempo di tergiversare, mi auguro che la Regione, visto il suo immobilismo, non abbia perso le risorse economiche che lo Stato aveva stanziato per quest’opera”.