Quantcast
Sport

Salute, capitan Palombo contro il cancro: “Serve lucidità per diventare campioni”

Genova. “Per divertirsi bere alcolici non serve: bisogna essere lucidi per diventare campioni nella vita”. Parola di Angelo Palombo, testimonial questa mattina all’Istituto ‘Piero Gobetti’ di Genova per la quarta tappa del progetto nazionale ‘Non fare autogol’, promosso dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom).

Si tratta di una campagna di prevenzione per spiegare ai ragazzi come tenersi alla larga dai sette vizi capitali ed evitare il cancro. In Italia il 13,6% di quelli fra gli 11 e i 15 anni consuma alcol, quasi 400 mila, e la Liguria detiene il triste primato di giovani che ne abusano: i ricoveri per intossicazione sotto i 14 anni sono 10 ogni 100.000 abitanti, la quota più alta della penisola. “Non è mai troppo presto per pensare alla prevenzione” ha spiegato Marco Venturini, presidente eletto AIOM. Fumo, alcol, sedentarietà, alimentazione scorretta, sesso non protetto, doping, abbronzatura selvaggia e lampade solari – aggiunge – sono abitudini molto pericolose, soprattutto se iniziate da adolescenti. Circa il 40% dei tumori è causato da fattori modificabili ed evitabili. Con il nostro progetto, grazie all’aiuto dei calciatori, vogliamo spiegare ai ragazzi quali siano i rischi e convincerli che per vincere la partita contro il cancro è indispensabile giocare d’attacco”. Fino al termine del campionato verranno raggiunte 7 scuole di 7 città, coinvolgendo alcuni dei più importanti calciatori italiani (oltre a Palombo, Pato, Legrottaglie, Miccoli, Gilardino, De Sanctis, Chiellini, Sculli e Perrotta) e il CT della nazionale Cesare Prandelli. Al fianco di Aiom, con i campioni, si sono schierati anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Coni, la Federazione Italiana Giuoco Calcio (Figc) e la Federazione Medico Sportiva Italiana (Fmsi). Il progetto è reso possibile da Boehringer-Ingelheim. L’incontro di Genova è dedicato in particolare ai pericoli di un consumo eccessivo di bevande alcoliche. “Il rischio è legato non solo al cancro del fegato, ma anche a bocca, faringe, laringe, esofago, seno” ha spiegato Carmelo Iacono, presidente Aiom. “L’assunzione di alcol – prosegue – è assolutamente sconsigliata prima dei 15 anni, in quanto l’organismo non è in grado di ‘digerirlo’ in maniera efficace. Sappiamo di essere un esempio per tanti ragazzi – aggiunge – e questo ci da’ grandi responsabilità.

Possiamo far capire loro quali siano i comportamenti positivi e gli stili di vita negativi da eliminare. E’ con grande piacere e onore, quindi, che ho deciso di partecipare a un progetto così importante”. Oltre agli incontri, è attivo il sito www.nonfareautogol.it ed è stato realizzato un opuscolo, in distribuzione in decine di istituti secondari italiani.