Regione, al via gli incontri per gestire l'emergenza profughi - Genova 24
Altre news

Regione, al via gli incontri per gestire l’emergenza profughi

Lorena Rambaudi

Regione. Dopo l’incontro a livello regionale della scorsa settimana si è svolto a Savona il primo incontro a livello provinciale per gestire l’emergenza profughi provenienti dal Nord Africa. Nei prossimi giorni si terranno anche gli altri tre: venerdì ad Imperia e la prossima settimana a Genova e La Spezia.

All’incontro savonese erano presenti – oltre all’Assessore regionale alle Politiche Sciali, Lorena Rambaudi, ed a quello provinciale, Piero Santi – la maggior parte dei Comuni della provincia, i Presidenti dei Comitati dei Sindaci dei Distretti Sociosanitari locali e diverse associazioni del terzo settore e del volontariato che operano sul territorio (Caritas, Arci, CRI, AICS, Legacooperative, Confcooperative, Comunità Alloggio L’Ancora).

Dalla riunione operativa è emerso che nel giro di una settimana i vari Comuni provvederanno a verificare la disponibilità sul loro territorio di strutture idonee ad accogliere immediatamente gli eventuali rifugiati in arrivo da Lampedusa, che ad oggi sono circa 2 mila a livello nazionale.

La posizione che è emersa è quella di accogliere i rifugiati in piccoli siti, garantendo loro vitto, alloggio ed almeno una visita sanitaria, cercando non solo di accoglierli ma anche di accompagnarli lungo il percorso, provando quindi ad integrarli nel tessuto urbano.
Per quanto riguarda invece i minori soli non accompagnati, che ad oggi sono circa 125 a livello nazionale e che hanno più di 14 anni, durante la giornata sono stati individuati 16 posti in Liguria (10 in provincia di Savona, 6 in quella di Genova).

I Comuni inoltre si stanno organizzando e coordinando a livello distrettuale. Tra domani e dopo sono infatti in programma le tre riunioni dei Distretti della provincia. Molte delle domande anche tecniche (gestione amministrativa e finanziaria, tempi di arrivo e di permanenza) che non hanno ancora avuto risposte, si spera che possano trovare una risposta nel corso della cabina di regia Stato – Regioni che si terrà domani a Roma.