Rapallo, Capurro: "Se non partecipiamo a Euroflora sarà un duro colpo per il comune" - Genova 24
Cronaca

Rapallo, Capurro: “Se non partecipiamo a Euroflora sarà un duro colpo per il comune”

Armando Ezio Capurro

Rapallo. “Ad oggi non esistono atti ufficiali dell’amministrazione comunale di Rapallo che prevedono la partecipazione del nostro comune a Euroflora, la fiera vivaistica più importante d’Europa in programma a Genova dal 21 aprile al 1 maggio”. A dirlo è il consigliere regionale Armando Ezio Capurro, che ricorda come nel 2006, quando ricopriva l’incarico di sindaco, lo stand predisposto dall’amministrazione era stato tra i più ammirati dal pubblico riuscendo ad ottenere prestigiosi riconoscimenti.

Lo spazio allestito dal comune di Rapallo, grazie all’impegno e la capacità delle maestranze comunali, aveva permesso di conseguire ed anzi migliorare i risultati ottenuti nel 2001.

Nel 2006, infatti, lo stand del comune si era aggiudicato il 1° premio nella sezione speciale, riservata alle pubbliche amministrazioni, categoria “Presentazione italiane ed estere di servizi del verde comunale”, superando in finale le composizioni floreali di altri importanti comuni italiani quali Milano, Torino, Bolzano, Merano.

Insomma da sempre Euroflora rappresenta per Rapallo un’importante vetrina che poi permette di veicolare turisti in città durante l’estate. Il binomio mare e natura continua ad essere una peculiarità del Golfo Tigullio che deve essere valorizzata. “Purtroppo anche in questa occasione assistiamo al desolante silenzio – afferma Capurro – di Campodonico e della sua giunta, non voglio neppure pensare che non sia stata presa nella giusta considerazione la partecipazione del nostro comune ad uno degli eventi più importanti che si svolgono in Liguria”.

I soldi investiti per essere presenti a Euroflora sono sicuramente meglio spesi di tanti altri finiti per proporre manifestazioni di dubbio gusto quali il “casting” per l’Isola dei Famosi.

“Spero che Campodonico sia ancora in tempo a garantire la presenza della città con uno spazio espositivo presso la Fiera internazionale di Genova – conclude Capurro – in caso contrario l’immagine di Rapallo subirà un altro duro colpo”.