Quantcast
Cronaca

Profughi a Genova, Scidone smorza le polemiche: “Piano di accoglienza condiviso”

Genova. “L’accoglienza dei profughi è pienamente condivisa in rispetto dei valori fondamentali della solidarietà e della giustizia”. Con una nota l’assessore comunale di Genova alla Città sicura Francesco Scidone smentisce una sua presa di distanza dal sindaco per la scelta dei siti dove accogliere i profughi. “Il sindaco di Genova, come tutti i sindaci – spiega Scidone – ha responsabilmente assunto le dovute e richieste decisioni, di carattere tecnico, e come sempre l’amministrazione genovese assume su di sé potestà e responsabilità che le appartengono e ne affronta a testa alta le conseguenze”.

Al contrario “il governo italiano, in estrema confusione, ha gestito in maniera fallimentare le necessarie azioni umanitarie, imponendo ai comuni senza alcuna vera pianificazione e garanzia relativa alle risorse, di individuare i siti destinati all’accoglienza”.

“Vi è una catena di responsabilità nella gestione di quella che non è un’emergenza nonostante le urla di chi vuol farlo credere e queste responsabilità – sottolinea l’assessore – non dei Comuni, devono essere chiare a tutti. L’accoglienza non è e non può essere mai un problema di ‘sicurezza’ intesa come ‘safety’ e non ‘security’ ma se mai lo dovesse diventare – conclude – ed è qui la preoccupazione unica e vera legata alle mie deleghe, credo sia necessario che la civica amministrazione abbia, da chi ne ha le responsabilità, le più ampie garanzie”.