Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Precari Inps, sindacati: “Da domani altri 40 lavoratori liguri a casa”

Più informazioni su

Genova. “Da domani, 15 aprile 2011, altri 40 lavoratori precari INPS della Liguria resteranno a casa. I 40 lavoratori di domani si aggiungono ai 12 che hanno perso il posto di lavoro all’inizio di quest’anno. Nella giornata di oggi, ai 40 precari di cui sopra è arrivata la lettera – vista la mancanza di un apposito provvedimento legislativo – con la quale si annuncia la risoluzione del rapporto di lavoro”. Lo rendono noto i sindacati con un documento congiunto.

“Il Consiglio dei Ministri di ieri infatti nulla ha deciso sulla sorte di 1800 precari INPS a livello nazionale, nonostante il 30 marzo scorso era stata votata da tutti gli schieramenti politici una risoluzione che impegnava il Governo a trovare una soluzione positiva alla vicenda. Domani, venerdì 15 aprile è in programma una nuova riunione del Consiglio dei Ministri nella quale al momento l’argomento non risulta essere all’ordine del giorno”.

“I lavoratori precari INPS svolgono un lavoro strutturato all’interno dell’Istituto: alcuni assunti da anni, svolgono servizio all’utenza in materie socialmente molto delicate come le pratiche di invalidità, legge 104, indennità di disoccupazione, cassa integrazione in deroga ecc.. sono pertanto evidenti i danni e i disservizi che colpiranno l’utenza nel momento in cui questi servizi dovranno essere erogati ugualmente ma con la forte contrazione di personale”.

“Sono mesi che il Governo promette una soluzione positiva della vertenza e anche gli ultimi 15 giorni di proroga sono trascorsi nella totale indifferenza del Governo e dei vertici nazionali INPS”.

“Questa mattina le OO.SS. sono state ricevute in Prefettura e sono state rassicurate sull’interessamento alla vicenda da parte del signor Prefetto. Cgil Cisl Uil di categoria hanno convocato per domani 15 aprile 2011 dalle ore 15 alle ore 16 una assemblea dei precari INPS presso la sede dell’Istituto per verificare lo stato e la prosecuzione della vertenza”.