Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pd, Basso: “Celebriamo i partigiani per rispondere a chi vuole ricostituire il Partito Fascista”

Più informazioni su

Liguria. “In questo momento di crisi politica interna ed internazionale, nel quale i nostalgici del Ventennio propongono pericolose leggi per rendere possibile la ricostituzione del Partito Fascista, con l’obiettivo, forse, di distogliere l’attenzione dai quotidiani attacchi alla democrazia in corso in Parlamento, il PD Liguria – si legge in una nota – ha organizzato una serie di incontri in vista del 25 aprile, fra cui si distingue un’iniziativa, un po’ fuori dagli schemi, per celebrare la Resistenza e i suoi protagonisti. Mercoledì prossimo, 13 aprile, dalle 16:30, presso il Circolo C.A.P., in Via Albertazzi 3r, Genova”.

“Abbiamo colto al balzo un’occasione particolare – il novantesimo compleanno del nostro amico e compagno Raimondo Ricci, Presidente Nazionale dell’A.N.P.I. – per realizzare un evento festoso e commemorativo del coraggio dei nostri padri e nonni. La scelta del nome – “Dalle radici della libertà al futuro della democrazia” – è un invito a pensare la Resistenza come movimento vivo e attuale, in cui il ricordare il passato è funzionale ad agire per il futuro”.

“Anche il programma dell’iniziativa sarà rivolto ad un pubblico che vuol guardare avanti, consapevole della storia alle proprie spalle. Un mix di contributi musicali, video e le voci dei protagonisti della Resistenza faranno di questo evento un’occasione particolare per riscoprire l’attualità dei valori della lotta di Liberazione, incarnati nella Costituzione. Un appuntamento importante soprattutto per i giovani. Saranno nostri ospiti Don Andrea Gallo, Gianfranco Maris – Presidente nazionale dell’A.N.E.D. e vicepresidente nazionale dell’A.N.P.I., Fulvio Cerofolini, Presidente A.N.P.I. provinciale di Genova e ovviamente il festeggiato, Raimondo Ricci.

“Interverrà poi Marco Rinaldi, comico genovese dei “Soggetti Smarriti”, che sarà presente in una veste diversa dal solito, con un nuovo progetto artistico. Presenterà infatti in anteprima nazionale uno dei brani dello spettacolo “Cenere”, all’interno del quale vengono raccontati, in stile colloquiale e al tempo stesso emozionante, alcuni episodi poco noti, ma non per questo meno significativi, della Resistenza. Da “Cenere”, che verrà proposto nei teatri a partire da settembre, sarà tratto anche un libro”.

“Pensato per far conoscere alle giovani generazioni la nostra storia di terra antifascista il nostro omaggio ai partigiani assume oggi un significato nuovo: rispondere con fermezza alla provocazione di chi vorrebbe permettere la ricostituzione del Partito Fascista. A questa irresponsabile e pericolosa proposta, sostenuta e avvalorata da molti esponenti del PDL, noi rispondiamo ricordando le gesta dei partigiani, donne e uomini di ogni colore politico, che nel momento di maggior pericolo per il Paese seppero fare la scelta giusta. Abolire quel divieto, che è innanzitutto un simbolo, ma non solo, della Repubblica Italiana, è negare la stessa Costituzione, che tutta intera ruota intorno al ripudio del fascismo e della sua ideologia: la libertà e la democrazia negate, la violenza come strumento politico e di Stato, il razzismo legalizzato”