Quantcast
Sport

Pallanuoto, femminile: Rapallo semplicemente perfetto, il Len Trophy è suo

Camogli. Dopo il – 7 dell’andata, probabilmente chiunque lo avrebbe dato per sconfitto. Ma la determinazione del Rapallo è stata più forte della rassegnazione di parte dell’ambiente e le giocatrici guidate da Mario Sinatra hanno messo a segno l’impresa, conquistando il Len Trophy. Un successo esaltante, ottenuto alla prima partecipazione in campo europeo. E per la città, per quanto riguarda lo sport, è il primo trofeo a livello continentale.

“Non ci sono parole per descrivere quello che le ragazze sono state capaci di fare stasera. Una partita caratterizzata da una conduzione di gara da parte delle ragazze di Sinatra in maniera perfetta. Molti parlavano di miracolo, di impresa, altri di partita ormai scontata, e invece ancora una volta la squadra rapallina ha dimostrato che se si gioca da vera squadra e si rema tutti nella stessa direzione si possono ottenere parecchi risultati” ha dichiarato il team manager Simone Zanforlini.

“Ci credevamo solo noi, e solo noi ci potevamo riuscire. Contro tutto e tutti, questo è il trofeo della volontà” gli ha fatto eco il tecnico Mario Sinatra. “Dovevamo fare qualcosa di eccezionale per tutto il pubblico accorso: sono talmente felice di esserci riuscito che non trovo le parole per esprimerlo – sono invece le parole di Alessandro Martini – E’ un grande storico traguardo, ma penso e spero che non sia l’unico che raggiungeremo”.

E dire che la partita sembrava essersi messa sui binari dell’equilibrio, con uno stentato 2 a 1 nel primo quarto ed un rigore parato da De Nooy a Queirolo. Ma tra il secondo e il terzo tempo le gialloblu hanno dilagato, rifilando alle ospiti 9 reti e subendone 1. Le ruentine sono state stoiche a resistere allo stillicidio di falli contro: hanno subito 3 reti in 19 occasioni in inferiorità. Ad esse si aggiunge un cinque metri fallito da Guichelaar. E nella quarta frazione di gioco, perse Frassinetti, Abate e Györe, il Rapallo ha comunque strappato un parziale di 1 a 1 grazie al quale ha condotto in porto il successo. Dopo il – 8 segnato da Guichelaar, infatti, Cotti ha messo in rete il pallone della sicurezza. Per le gialloblu 5 su 10 in superiorità.

Alla sirena finale i circa cinquecento spettatori accorsi a Camogli si sono alzati tutti in piedi, per tributare alla squadra un lunghissimo e fragoroso applauso. Una serata straordinaria per un gruppo vincente che ha portato in Italia un trofeo che pareva dovesse prendere altre strade.

Il tabellino:
Rapallo Nuoto – Fysius Het Ravijn 12 – 3
(Parziali: 2 – 1, 4 – 1, 5 – 0 , 1 – 1)
Rapallo Nuoto: Gigli, Abbate 1, Frassinetti 3, Cotti 1, Queirolo 1, Cordaro 1, D’Amico, Criscuolo, De Benigno, Györe 1, Bianconi 3, Maggi 1, Stasi. All. Mario Sinatra.
Fysius Het Ravijn: De Nooy, Spoolder, Su. Veldhuis 1, Schoder, Van Borouvershaven, Klaassen, Kuipers, So. Veldhuis, Smit, Stutterheim 1, Guichelaar 1, Dannenberg, Morsink. All. Ter Bals.
Arbitri: Alexander Galkin (Rus) e Anne Grandin (Fra). Delegato Len: Milivoj Bebic (Cro).