Quantcast

Nasce il Consiglio delle Autonomie Locali: presidente Alessandro Repetto

Genova. Alessandro Repetto e Mentore Campodonico sono stati eletti rispettivamente presidente e vicepresidente del Cal, il Consiglio delle Autonomia Locali, organo di consultazione e confronto tra Regione ed Enti Locali e di rappresentanza del sistema della Autonomie Locali della Liguria. L’elezione si è tenuta oggi nella sede della Provincia di Genova.

“Sono molto soddisfatto di questa elezione – ha commentato Alessandro Repetto – anche perché proviene da un consiglio totalmente rinnovato, almeno nei suoi due terzi, secondo la riforma del consiglio regionale portata avanti in maniera del tutto celere”. “Il Cal è quindi di buon auspicio per quanto riguarda il futuro amministrativo – ha sottolineato il neo presidente – vuole rappresentare gli interessi di tutti, dalle Province ai piccoli e grandi Comuni”. La costituzione di un gruppo di lavoro ristretto è stata decisa per affrontare il tema della riforma del Codice delle Autonomie e della Conferenza della Repubblica.

Un ruolo importante, anche secondo Mentore Campodonico, già sindaco di Rapallo e da oggi vicepresidente delle Autonomie locali della Liguria. “Il Cal – ha detto Campodonico – ha importanti competenze e, con la collaborazione di tutti i componenti, potremmo centrare l’obiettivo di un consiglio non solo presente per pareri consultivi, ma anche in grado di fornire iniziative e proposte a favore di tutta la collettività ligure”.

Beppe Costa, componente del consiglio ha inoltre sottolineato l’importanza del Cal in relazione al federalismo. “Il Cal, rinnovato nei membri e nelle procedure, darà più spazio agli enti locali nel rapporto con la Regione. In questa fase di federalismo fiscale e di competenze, c’è oltremodo necessità di questo strumento di concertazione tra Comune, Province e Regione nella preparazione degli atti deliberativi”.

“Per i Comuni, già tartassati dalle mancanze di risorse e ai quali spesso calano dall’alto provvedimenti che riguardano il territorio di propria competenza è un’istituzione fondamentale – ha ribadito Giorgio Guerello, coordinatore regionale dei consigli comunali – Questo è un luogo dove si potrà apportare un contributo importante su partite ampie che riguardano tutto il territorio. Ben venga la snellezza dell’organo e l’autorevolezza delle nomine odierne”.