Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Municipio Medio Levante, gruppo Pd: “Tre giorni di mercato in Piazza Palermo sono troppi”

Genova. “Tre giorni di mercato alla settimana sono un aggravio troppo grosso per i residenti che già lamentano disagi e sofferenze”. Sulla sperimentazione di apertura del mercato di piazza Palermo una domenica al mese, in programma per la prima volta il 10 aprile dalle 9 alle 18, i consiglieri di opposizione del Municipio Medio Levante continuano ad avere più di una perplessità nonostante “ogni mercato – spiega Alberto Pandolfo, consigliere municipale Pd e vicepresidente della seconda commissione incaricata del monitoraggio – svolga una utilissima funzione sociale ed economica ed è possibile che la scelta della domenica possa risultare effettivamente fruttuosa sia per gli operatori sia per chi, lavorando, non può accedere al mercato durante la settimana”.

Ma le lamentele dei residenti sono arrivate sul tavolo del Municipio a più riprese: impossibilità di trovare parcheggi alla vigilia del mercato, sporcizia e degrado dopo, e utilizzo di spazi, come l’aiuola di Piazza Palermo, che in teoria dovrebbero essere pubblici. “Per questo avevamo chiesto di effettuare il monitoraggio prima e non dopo la sperimentazione, con audizione di tutti i soggetti coinvolti: residenti, ambulanti e commercianti – sottolinea Pandolfo – ed è per questo che non siamo d’accordo sull’estensione a tre giorni settimanali di mercato in piazza Palermo”.

Le condizioni restrittive chieste dai consiglieri Pd, ma anche dallo stesso presidente di Municipio, per tutelare i residenti che già oggi vivono una situazione di disagio con l’appuntamento bisettimanale del mercato riguardano la salvaguardia dei parcheggi, la gestione dei rifiuti post mercato e l’analisi della sperimentazione in commissione, che comincerà già nella prima seduta in calendario martedì 12 aprile. “Qualora nella fase di sperimentazione si ravvisasse che la scelta della domenica porti beneficio alla collettività, la proposta è quella di sostituire l’appuntamento del lunedì, con quello della domenica – conclude il consigliere d’opposizione – nel frattempo saremo vigili e attenti nella verifica”.