Quantcast
Cronaca

Genova, Silp: “La scorta di Belsito costa 50 mila euro in più del previsto, poi mancano i soldi per le pulizie”

Genova. “È noto che una delle principali cause per le quali il Comparto Sicurezza versa in gravi difficoltà organizzative è senz’altro la cronica carenza di risorse economiche imposte da una compagine governativa che, pur lanciando slogan mediatici propagandistici a favore della sicurezza, dimostra  continuamente la propria mancanza di coerenza”, esordisce Roberto Traverso, segretario Silp Cgil Genova.

“A Genova siamo ormai in condizioni preoccupanti. Oltre alla mancanza di personale e mezzi, i poliziotti ormai sono costretti a lavorare nella sporcizia. Il taglio complessivo del 50% applicato sul contratto per le pulizia degli uffici della polizia di stato della Provincia di Genova, mette a rischio la salubrità dei luoghi di lavoro e di quelli aperti ai cittadini mentre abbandona a se stessi i lavoratori e le lavoratrici del settore pulizie – spiega Traverso – Per questo troviamo a dir poco sorprendente che il sottosegretario alla semplificazione amministrativa Francesco Belsito, che rappresenta il Governo, invece di contribuire a gestire al meglio le risicate risorse a disposizione del Comparto Sicurezza, non si sia ancora accorto che i costi della sua scorta personale affidatagli per motivi di sicurezza, raggiungono annualmente cifre enormi per una scorretta applicazione regolamentare”.

“È incomprensibile infatti la scelta del Viminale di affidare il servizio di scorta a personale in servizio a Roma e non a Genova, quando il Belsito si trova nel capoluogo genovese. (ovvero in media 20 giorni al mese!) Questo comporta una corresponsione giornaliera di 110 euro al giorno dell’indennità di missione che moltiplicata per due operatori e per 12 mesi raggiunge una cifra media annua di circa 50 mila euro (indennità di lavoro straordinario escluso) – continua la nota di Traverso – Si tratta di un costo che si potrebbe risparmiare se la scorta venisse garantita dal personale in forza alla Questura di Genova. Ecco che si presenta una occasione per dare il buon esempio: Il Sottosegretario Belsito potrebbe prodigarsi a sollecitare il Ministero dell’Interno ad assegnare personale a Genova per rafforzare, tra l’altro, anche l’Ufficio Scorte della Questura e a dirottare quei 50 mila euro per sopperire ad urgenze organizzative come la pulizia degli uffici. Inoltreremo questa nota alla segreteria nazionale del Silp Cgil per ottenere dal Ministero dell’Interno chiarimenti in merito al caso evidenziato e per verificare se si tratta di un fenomeno isolato oppure se sul territorio nazionale sussistono altre situazioni di questo tipo che evidenziano scarsa attenzione alla gestione delle risicate risorse economiche a disposizione del Dipartimento della Pubblica Sicurezza”.