Quantcast

Genova, Rosso e Bagnasco (Pdl) su diabetologia: “Da fiore all’occhiello a disastro”

Genova. Tante le segnalazioni di disservizi dovuti all’attuale assetto della diabetologia dell’Asl 3: dalla chiusura del Reparto di diabetologia del Dimi, che funzionava benissimo, con conseguente spostamento al San Martino (con pesanti disagi a carico dei pazienti), ai problemi legati all’erogazione di strisce e lancette misuratori di glicemia e alle difficoltà per le prenotazioni al Cup delle visite per il controllo annuale.

“Una situazione pesante e incresciosa per i pazienti – dichiarano Matteo Rosso e Roberto Bagnasco –che merita di essere affrontata in maniera puntuale dai vertici dell’azienda sanitaria dell’asl 3”.

I due esponenti del Pdl, che annunciano di aver presentato un interrogazione sulle molteplici segnalazioni pervenutegli, spiega “ dall’ufficio di Via Archimede chiuso con trasferimento dei pazienti allo sportello della Fiumara per il ritiro del materiale sanitario, alle prenotazioni al Cup per fissare le visite di controllo, i disservizi subiti dai cittadini dimostrano che vi è molta disorganizzazione anche in questo comparto”.

“Il tutto – aggiungono i due consiglieri regionali del Pdl – aggravato dalla chiusura del reparto di diabetologia del Dimi che seguiva i pazienti in maniera esemplare garantendo un assistenza perfetta ed efficiente. E proprio quei pazienti, spesso tra l’altro anziani con gravi problemi di deambulazione, oggi lamentano di sentirsi in balia degli eventi e abbandonati al loro destino”.

“Per questo abbiamo voluto sottoporre all’attenzione dell’assessore regionale Montaldo la questione – concludono Rosso e Bagnasco – crediamo che sia doveroso intervenire celermente: queste persone già vivono quotidianamente la malattia e sono destinate a vita ad essere sottoposte a cure e controlli costanti, in questo modo vengono solo sottoposte a stress aggiuntivo che certo non fa bene alla loro salute”.