Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, il Treno Verde di Legambiente per una città migliore foto

Genova. Tira ancora una brutta aria nelle città italiane, anche se il capoluogo ligure è fortunato per la presenza quasi costante del vento. A soli due mesi dall’inizio del 2011, infatti, sono già 22 i capoluoghi del Belpaese che hanno superato i 35 giorni di sforamento del PM10 consentito per legge. E perché su questo fronte non venga abbassata la guardia torna a viaggiare il Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato, oggi a Genova sul binario 19 della stazione di Principe dove rimarrà per tre giorni.

Il Treno Verde, realizzato quest’anno con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la collaborazione di Anci nell’ambito della campagna Patto dei Sindaci e con il contributo di Telecom Italia, porta a bordo tante informazioni sulla mobilità sostenibile, l’energia rinnovabile, il risparmio energetico, le scelte d’acquisto responsabili e la corretta gestione dei rifiuti. I ragazzi delle scuole, infatti, possono visitare i numerosi laboratori allestiti all’interno del convegno e ascoltare la spiegazione degli istruttori.

Al centro della ventiduesima edizione c’è la città, con particolare riferimento al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), l’accordo europeo secondo il quale i Comuni si impegnano su base volontaria a realizzare, entro il 2020, piani di azione per rientrare negli obiettivi del 20-20-20 (ridurre del 20% le emissioni di CO2, aumentare al 20% il contributo delle rinnovabili e ridurre del 20% i consumi).

“Le amministrazioni cittadine, durante le tappe del Treno Verde, saranno dunque chiamate ad accogliere la sfida di lavorare alla sostenibilità ambientale: dall’energia all’efficienza energetica fino al corretto smaltimento dei rifiuti, trovando le giuste sinergie tra interessi pubblici e privati” spiega Alberto Corradi, assessore provinciale al Patto dei Sindaci.

“Di fronte a questa crisi economica e agli scempi delle guerre in corso, i comuni e gli enti locali che investono nelle definizione dei piani di azione per le energie sostenibili compiono un vero passo verso la green economy – spiega Santo Grammatico, coordinatore generale Legambiente Liguria – Genova deve impegnarsi molto da questo punto di vista e anche sulla questione di Amt, ad esempio, deve trovare quanto prima soluzioni. L’aumento del biglietto, infatti, non incentiva l’uso dei mezzi pubblici, ma anzi, incoraggia a servirsi delle auto e questo non deve accadere in una città che vuole essere smart city”.

Anche a Genova, come in tutte le altre città visitate dal convoglio di Legambiente, saranno effettuate rilevazioni sulle concentrazioni in atmosfera di benzene, biossido di azoto, monossido di carbonio, biossido di zolfo e ozono. I dati saranno resi noti durante una conferenza stampa finale, che si svolgerà sabato alle ore 11.

Guarda tutte le foto qui

Jenny Sanguineti – Alberto Maria Vedova