Quantcast
Politica

Genova, i candidati sindaco più gettonati: Pinotti per il centro sinistra, Musso per il centro destra

Genova. Quali sono i possibili candidati a sindaco di Genova che maggiormente piacciono agli elettori in generale e dei due schieramenti in particolare? Quali sono i problemi che i genovesi giudicano più importanti e che considerano ancora irrisolti? Quali sono le intenzioni di voto dei genovesi?

Queste sono le domande alle quali risponde in modo completo un sondaggio che il mensile economico ligure Liguria Business Journal ha svolto grazie alla collaborazione dell’agenzia Digis, intervistando 800 genovesi, un campione stratificato per sesso ed età (18-34; 35-54; oltre 54 anni) e rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nel Comune.

Il sondaggio si è svolto nei giorni 7 e 8 aprile e i dati completi verranno pubblicati sul numero in edicola la prossima settimana di Liguria Business Journal. Quali sono i risultati? I genovesi sono scontenti soprattutto di come vengono gestiti traffico e parcheggi, verde pubblico, manutenzione e pulizia della città, trasporti (voti negativi che vanno dal 56,6% per i trasporti fino al 69,3 per la manutenzione e al 71,3 per traffico e parcheggi).

Negativi anche i giudizi sulla sensazione relativa alla sicurezza (le politiche comunali sono bocciate da oltre il 60% del campione), le attrezzature per il tempo libero, le strutture per l’infanzia e il turismo. Appena negativi (diciamo voto tra il 5 e il 6) le politiche relative ai servizi sociali e quelle per le infrastrutture. Positivo solo il voto alle attività culturali  (promosse dal 57,3% degli intervistati). Da notare che i giudizi più negativi vengono da Ponente e dalla Val Polcevera e quelli lievemente più positivi da centro e levante.

Il 57,2% degli intervistati ha risposto che Genova necessita di un cambiamento deciso.

Molto interessanti le “intenzioni di voto” sia in vista delle comunali del prossimo anno, sia di possibili elezioni politiche: il centrosinistra potrebbe avere la maggioranza (52,3%), ma solo se sarà sostenuto anche dalla Federazione della sinistra (3,1%), con un forte calo del Pd, la tenuta di Idv e una crescita significativa di Sinistra e libertà (7,4%).

Nel centrodestra (che complessivamente raccoglie il 36,2%), forte calo del Pdl e aumento della Lega (fino al 10,2%). Ago della bilancia sono i centristi che, complessivamente, salgono al 6,5%.

L’ultimo tema del sondaggio riguarda i possibili candidati a sindaco. E le risposte mostrano che entrambi gli schieramenti dovranno rapidamente risolvere molti problemi, scegliendo al più presto il proprio “uomo” (o donna). Agli intervistati sono stati fatti i nomi apparsi sui giornali nelle ultime settimane. Per il centrosinistra maggioranza relativa per Roberta Pinotti (circa 39% tra gli elettori del suo schieramento), seguita da Marta Vincenzi (27,4%) e da Claudio  Montaldo (17,5%). Ma quasi il 23% degli intervistati ha preferito non rispondere.

Nel centrodestra naviga altissimo Enrico Musso, che raccoglie oltre il 57% delle indicazioni degli elettori in generale e il 46,7% dei soli elettori del centrodestra. Molto indietro, nell’ordine, Della Bianca (19,3% nel centrodestra), Rosso, il leghista Rixi, Cassinelli, Vinai.