Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, dopo tre condanne chiesta rideterminazione della pena per il “molestatore dei treni”

Genova. Almeno sette episodi, avvenuti tra il febbraio 2008 e il marzo 2009, e tre condanne inflitte per un totale di quasi sei anni di reclusione.

Il molestatore dei treni, così fu definito Francesco M. di 42 anni, per il modus operandi con cui si sedeva di fronte alle ragazze che viaggiavano nella tratta Genova-Ronco Scrivia e bloccando loro gambe con le sue cercava di strusciarsi, fu arrestato nella primavera del 2009 dalla Polfer di Genova con l’accusa di violenza sessuale dopo che una studentessa di 20 anni, si era fatta coraggio, aveva denunciato l’uomo alla polizia, aveva anche affisso in stazione alcuni volantini per mettere in guardia altre ragazze. L’uomo subì tre processi: due con rito abbreviato (condannato a 3 anni e 4 mesi e a un anno e 10 mesi) e un patteggiamento a otto mesi.

Oggi i suoi difensori hanno chiesto al gip il riconoscimento della continuazione delle sentenze ormai passate in giudicato, con una conseguente rideterminazione della pena che potrebbe essere meno elevata rispetto a quella già inflitta. Richiesta su c’era stato il parere favorevole della procura. Il gip si è riservato di decidere.