Quantcast
Cronaca

Emergenza profughi, Pastorino: “Ne aspettiamo 200, aree esterne non necessarie”

Genova. Secondo la ripartizione territoriale, a fronte dei 1400-1600 immigrati in arrivo in Liguria, a Genova dovrebbero sbarcare circa 600 persone, il 43% cioè dei rifugiati. Ma le cifre, secondo quanto affermato oggi dall’assessore al Patrimonio abitativo, Bruno Pastorino, sarebbero destinate a scendere. “Almeno al momento non aspettiamo più di 150-200 persone – ha detto l’assessore – anche se le indicazioni del Governo sono ancora imprecise”.

Quanto agli alloggi e alla disposizione degli immigrati, Pastorino ha ribadito nuovamente la linea di Tursi e della Regione: no ai Cie e all’ipotesi di concentrare i rifugiati in aree esterne alla città, come chiesto con due ordini del giorno, respinti poi dal consiglio, della consigliera Pdl, Lilli Lauro. “Per questi numeri è sufficiente la rete di accoglienza esistente e il terzo settore, capace di mettere a disposizione 250 posti letto – ha concluso Pastorino – sono già state individuate scuole e palestre da trasformare in centri di accoglienza, la cui collocazione non viene ufficializzata per evitare allarmi e proteste ingiustificate”.