Quantcast
Politica

Elezioni Portofino: sfida a 3, ma la vera lotta sarà fra D’Alia e Viacava

Portofino. Sarà una sfida a tre per la poltrona di sindaco quella del borgo tanto amato dai vip. Oltre a Giorgio D’Alia, sindaco da giugno a ottobre del 2009, che aveva subito riannunciato la sua candidatura, e Paolo Viacava, ristoratore portofinese e campione di vela, con una buona esperienza politica alle spalle, si è aggiunto all’ultimo minuto anche Aldo Coppola, pensionato genovese, sostenuto dalla lista “Unione democratica per consumatori”.

I candidati sono tre, ma tutto fa presupporre che la vera lotta, probabilmente anche questa volta all’ultimo voto, sarà fra D’Alia e Viacava. Il primo, dopo essersi laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica (2005), è tornato a vivere a Portofino, terra dei nonni, e ha effettuato il praticantato legale presso lo studio Quaquaro di Santa Margherita. Da lì l’esperienza come patrocinatore legale e infine la scelta di dedicarsi esclusivamente alla politica di Portofino, borgo delle sue origini.

Paolo Viacava è un portofinese doc e conosce il borgo in tutte le sue sfaccettature. Cootitolare, insieme allo zio, del ristorante Puny, ha all’attivo una brillante carriera da velista. Numerosi, infatti, sono i successi ottenuti nella categoria dinghy e non sono da dimenticare le sue presenze nella nazionale italiana di vela. Viacava vanta anche una precente esperienza politica proprion da amministratore di Portofino perché fu consigliere di maggioranza quando era sindaco Artioli. Durante le scorse amministrive appoggiò il candidato sindaco Roberto D’Alessandro.

Per quanto riguarda i progranni dei due candidati alla guida della perla del Tigullio, sono molto simili. Ecco i principali punti di quello di Giorgio D’Alia: difendere la residenzialità cercando di predisporre bandi di concorso per favorire chi è nato e vissuto nel borgo; creare un nuovo Piano urbanistico comunale, coinvolgendo tutta la popolazione nelle scelte più rilevanti; rilanciare il turismo anche tramite il potenziamento dei rapporti con il comprensorio per organizzare eventi sia in estate che in inverno; creare una rete wi-fi gratuita per i residenti e a tariffa agevolata per i turisti; realizzare aree interrate per la raccolta dei rifiuti e la raccolta differenziata; progettare una nuova zona per il parcheggio dei motorini; rilanciare il porto; inserire un servizio di trasporto verso il nuovo ospedale di Rapallo; creare un punto di soccorso con operatori e un mezzo durante tutto l’anno; pulire e riordinare tutti i sentieri del monte e collaborare con la riserva marina per tutelare l’ambiente e rispettare le esigenze protettive; integrare con nuovi servizi il campetto da calcio; creare uno sportello online comunale per consentire di scaricare tutti i moduli.

Simile il programma di Viacava, che prevede di rilanciare il turismo anche nel periodo invernale; avviare una trattativa con l’attuale gestione del parcheggio per favorire l’arrivo a Portofino di turisti; predisporre un progetto per incrementare i posteggi per i motorini e allungare la passeggiata a mare; rilanciare il porto; far diventare il campetto da tennis il centro di iniziative sportive e ricreative; impostare un servizio navetta per Santa tre volte alla settimana; istituire un ambulatorio medico aperto 24 ore; creare un ufficio di assistenza sociale; aumentare l’ordinaria manutenzione del paese; tutelare e rivalutare il nome di Portofino, attualmente usato liberamente da tutti, trattando il borgo come un’azienda che ha un prodotto da vendere: le sue bellezze uniche.