Cultura, Zeffirelli: “Momento doloroso, il Parlamento è una palestra di imbecilli” - Genova 24

Cultura, Zeffirelli: “Momento doloroso, il Parlamento è una palestra di imbecilli”

carlo felice

Genova. “Io mi batto perche’ i teatri non siano in mano allo Stato, ma siano in mano ai privati e siano detassati”. Queste le parole del regista Franco Zeffirelli, durante la presentazione dell’opera i “Pagliacci”, capolavoro di Ruggero Leoncavallo, in programma al Teatro Carlo Felice dal 5 al 17 aprile.

La regia è firmata proprio dal maestro, l’orchestra è affidata ad una direzione di alta qualità quale è quella di Fabio Luisi, i costumi sontuosi e colorati sono opera di Raimonda Gaetani e il cast di attori e cantanti è di alta classe. Uno spettacolo pronto a rilanciare l’arte e la cultura din un teatro, di un’intera città. Ma, nonostante tutto, un tono amaro resta.

Durante la presentazione, Zeffirelli ha infatti sottolineato il momento difficile che la cultura sta vivendo nel Bel Paese. “È un momento molto doloroso – ha detto il regista – Vediamo cani inferociti che si affrontano ed il Parlamento è diventato una palestra di imbecilli. Bisogna agire in maniera adeguata, perche’ ci vogliono i soldi per far studiare i ragazzi, per farli andar avanti e i maestri devono seguire quella strada. Lo Stato – ha concluso Zeffirelli – non deve speculare sullo spettacolo. Il Teatro va incentivato, aiutato, i musicisti, i cantanti sono grandi artisti, non si possono essere trattati come impiegati”.

Riguardo poi al momento politico che sta interessando l’Italia, Zeffirelli ha aggiunto: “Peggio non potrebbe essere. I politici dovrebbero avere una dignità diversa. C’é una grande confusione. Ognuno si preoccupa di confutare le teorie dell’altro, del nemico, e in mezzo resta schiacciato sempre il cittadino”.