Quantcast
Cronaca

Container radioattivi, a Genova progeto USA per neutralizzare i rischi

Genova. Sarà sperimentato nel porto di Genova Megaports, il progetto voluto dagli Stati Uniti che ha l’obiettivo di neutralizzare ogni rischio nucleare connesso alle merci in arrivo via mare
Una delegazione statunitense del Dipartimento di Energia ha effettuato un sopralluogo con i tecnici dell’Authority e delle Dogane per individuare le aree in cui ispezionare i container e testare la radioattività.
Il progetto prevede l’installazione di un portale, da cui far passare tutti i tir, con relativo scatolone a traino, diretti all’imbarco delle merci destinate all’esportazione.

Non mancano però già le prime perplessità, in particolare dei terminalisti e degli autotrasportatori. Secondo i rappresentanti delle due categorie, effettuare tali operazioni rallenterebbe, e non poco il traffico.
Intanto è in arrivo a Genova da Israele una spedizione di materiale bio medicale a bordo di una porta-container che dovrebbe contenere un carico di Cobaldo 60.
Il carico nucleare dovrebbe fermarsi allo scalo del Vte dove da mesi giace già un container radioattivo.

Nonostante dovrebbe restare per un solo giorno, e non ci siano reali pericoli, lo scalo genovese ha attivato tutte le misure di sicurezza del caso.