Quantcast
Politica

Cogoleto, Bruzzone (Pdl): “Ecco la lista del rinnovamento”

Cogoleto. Una lista di giovani per dare una svolta a Cogoleto, nuove idee e tanta voglia di fare. È questo il fulcro del programma portato avanti dal candidato a sindaco del centro destra Paolo Bruzzone, 31 enne avvocato, appoggiato da Pdl, Lega Nord e Cogoleto 2011.

“La nostra lista sarà composta per la metà da giovani. Proprio la mia candidatura, visto che ho 31 anni, sta a significare il senso di svolta che vogliamo dare – spiega Bruzzone -. Mi accompagneranno altri ragazzi giovani e novelli della politica under 40. Ci saranno poi anche persone che hanno svolto in questi anni all’opposizione un lavoro di denuncia ma anche di proposta. In questa avventura, oltre al Pdl e alla Lega, ci accompagna una lista civica: Cogoleto 2011. Proprio in questa lista abbiamo il coinvolgimento della società civile che porterà sicuramente nuove idee. Questi ultimi, inoltre, si sono battuti per riportare la caserma dei carabinieri a Cogoleto, un annoso problema che ha reso meno sicuri i cittadini”.

Mentre si discute ancora sulle primarie, che hanno visto la vittoria di Anita Venturi su Luigi Cola, e del candidato di Sel, Roberto Pansolin, che ha presentato il suo programma alcuni giorni fa in Regione, il centro destra, può guardare avanti con serenità, soprattutto dopo lo smembramento del centro sinistra, sempre meno compatto e con un programma non unitario.

“Che il centro sinistra sia diviso non può essere che una buona notizia per la mia coalizione – spiega il giovane candidato del Pdl -.Noi comunque vogliamo sconfiggerlo sulle idee che portiamo, sicuramente innovative rispetto al passato. La nostra è un’alternativa credibile e, dopo 20 anni di centro sinistra, con la nostra amministrazione ci saranno sicuramente innovazioni positive”.
Il programma del candidato sindaco è già ben chiaro e definito. “Per quanto riguarda l’area ex Tubi Ghisa, ad esempio, noi abbiamo intenzione di dare vita a un progetto di riqualificazione che si sviluppi in maniera armonica con l’ambiente circostante – dice – Ci sono stati diversi progetti presentati dai nostri competitor durante le primarie. I cittadini hanno dato delle indicazione per evitare una politica di eccessiva cementificazione. Noi non costruiremo senza criterio”.

Tanti i problemi da affrontare per il comune del ponente genovese, ma Bruzzone propone le soluzioni sentendosi prima di tutto un cittadino.
“Noi dobbiamo risolvere problemi importanti per Cogoleto, come quello dei parcheggi, della viabilità che affligge i cittadini e che non è mai stato risolto in questi anni. Un altro problema che riguarda soprattutto i giovani è quello dell’acquisto delle case. Negli ultimi anni il mercato immobiliare ha visto un incremento dei prezzi a discapito dei cittadini cogoletesi che non sono più in grado di acquistare un immobile. Noi realizzeremo degli edifici di edilizia calmierata con prezzi più bassi del mercato e stileremo delle graduatorie in base al reddito dei cittadini che vorranno accedere a questo servizio per permettere gli acquisti”.

Non mancano poi le idee riguardo all’ area Stoppani. “Al momento – spiega Bruzzone – la bonifica richiederà molti sforzi. Per ora non è prevedibile un futuro da qui a 5 anni. Si è parlato di porticciolo , di insediamenti produttivi, ma in questo momento il nostro compito è quello di vigilare sulla bonifica in modo che quest’area possa essere restituita ai cogoletesi. Se i cittadini poi ci daranno fiducia svilupperemo anche un piano per quest’area che, momentaneamente, in attesa del completamento della bonifica, riteniamo possa essere riutilizzata come grosso parcheggio per permettere ai turisti di accedere alle spiagge senza intasare il centro”.

Altro punto in programma riguarda il Turismo. “Riteniamo che Cogoleto dopo la dismissione delle fabbriche e la perdita di numerosi posti di lavoro possa svilupparsi soltanto se accanto ad un’area industriale che deve essere implementata vi sia un’attenzione particolare al turismo – continua il candidato del centro destra – Noi prevediamo di instaurare un ufficio turistico permanente che possa svolgere attività di promozione e informazione. Il nostro desiderio è quello di dare ai turisti una carta dove possano trovare tutte le attrattive e le attività. Cogoleto non è solo mare ma anche monti, si possono sviluppare sentieri ciclabili, di camminata, si può sfruttare il fatto di essere parte integrante del parco del Beigua e quindi di avere risorse naturali. Per quanto riguarda il mare – conclude Bruzzone – vorremmo rientrare nel circuito delle mini crociere realizzando un molo d’attracco. Il nostro sogno sarebbe poi un domani di realizzare un piccolo porticciolo. Ma oggi chi promette il porticciolo non fa altro che mentire perché per adesso Cogoleto non rientra nel piano dei porti”.

Nella storia di Cogoleto il nome Bruzzone è già conosciuto. Suo padre Federico, infatti, era stato sindaco della cittadina dal 1991 al 1993. Fu l’ultimo sindaco prima dell’era Luigi Cola, ma anche il primo e l’unico sfidante di centro destra che, alle elezioni del 1991, alla guida di una coalizione formata da DC e il Psi, era riuscito a sconfiggere Cola.

Di seguito la lista:

Simone Tiraoro – 37 anni – Avvocato (Pdl)
Antonella Torcasio – 47 anni – Casalinga (Pdl)
Amelia Ravenna – Pensionata (Pdl)
Francesco Biamonti – 52 anni – Commerciante (Lega Nord)
Alberto Porro – 26 anni – Studente (Lega Nord)
Fabio Piombo – Rappresentante di commercio – (Lega Nord)
Agatino Scuderi – 50 anni – Brigadiere Carabinieri – (Cogoleto 2011)
Rosetta Cipparrone – 39 anni – Casalinga – (Cogoleto 2011)
Paolo Ferri – Commerciante – (Cogoleto 2011)
Federico Giusto – 28 anni – Presidente Ass. Viviano Pratozanino – (Indipentente)
Gino Bianchi – Manger Presidente Cogoleto Calcio – (Indipentente)
Filippo Amoroso – 27 anni – Impiegato – (Indipentente)