Quantcast

Unità Italia, Vincenzi scrive ai 18enni stranieri residenti: “Siete i nuovi italiani”

Genova. In occasione del 150° dell’Unità d’Italia, il sindaco Marta Vincenzi ha inviato una lettera personale a tutti i ragazzi stranieri (comunitari ed extracomunitari) residenti a Genova, che hanno compiuto i 18 anni di età, ma non ancora i 19. Sono coloro che, in base alla legge (la n°91 del 1992), possono ottenere la cittadinanza italiana se sono nati in Italia e vi risiedono ininterrottamente dalla nascita.

“Non si può celebrare l’Unità del nostro Paese – dice Marta Vincenzi – senza coinvolgere quanti, soprattutto giovani, hanno il diritto di essere considerati a tutti gli effetti i nuovi italiani. Perchè l’unità dell’Italia di oggi non può essere che l’unità delle diversità”.

Il sindaco, rivolgendosi a ciascuno con il tu e come se si trattasse di un figlio, ricorda ai diciottenni stranieri che possono ottenere la cittadinanza italiana e indica loro la strada da seguire, se in possesso dei requisiti richiesti dalla legge, compreso il passaporto o il permesso di soggiorno: occorre presentare senza indugio la domanda all’ufficio cittadinanza del Comune, in corso Torino n°11 (stanza 215), o chiedere informazioni al numero telefonico 010-5576870.

“Genova ti accoglie a braccia aperte – conclude, nella lettera, il sindaco Vincenzi – perchè è nostro desiderio che nessuno si senta un escluso nella nostra città. Io credo con fermezza in una società nella quale ognuno debba e possa dare il proprio contributo a seconda del proprio valore e delle proprie possibilità, una società nella quale diritti e doveri siano rispettati e accettati da tutti in egual misura, affinchè la comunità viva e cresca in concordia ed in armonia. Solo così possiamo guardare con fiducia e speranza ad un mondo futuro davvero migliore per tutti.”
L’iniziativa, adottata per la prima volta, sarà ripetuta nei prossimi anni.

Più informazioni