Sestri Levante, vandali contro la palestra: il grido d’allarme delle società sportive - Genova 24
Cronaca

Sestri Levante, vandali contro la palestra: il grido d’allarme delle società sportive

palestra sestri levante

Sestri Levante. Ennesimo atto vandalico ai danni del pallone tensostatico di via Lombardia: durante lo scorso fine settimana alcuni vandali si sono introdotti nella struttura, che utilizzano sia le scuole vicine sia le società sportive di basket e pallavolo, danneggiando le porte e gli interni degli spogliatoi. Ma soprattutto sono stati svuotati due estintori antincendio: il risultato è stata una struttura invasa da polvere e schiuma. L’attività del minibasket e della pallavolo è stata sospesa per tutta la settimana per procedere alle difficoltose operazioni di pulizia, tutt’ora in corso a spese delle società.

Non è il primo episodio di questo tipo che riguarda via Lombardia, una zona aperta, scarsamente illuminata e in cui i controlli non sono così frequenti, divenuta mercé dei vandali: gli episodi, soprattutto negli ultimi tempi, si sono fatti più frequenti. L’ultimo, in particolare, ha fatto scattare la denuncia alle forze dell’ordine.

“Si tratta di una zona dove si svolge attività scolastica e sportiva, che coinvolge soprattutto i bambini – commenta la dirigenza del Centro basket Sestri Levante – Chiediamo maggiore attenzione, magari una illuminazione più potente per scoraggiare i vandali, che spesso penetrano nel pallone, a volte trasformato in dormitorio”.
La zona di via Lombardia, adiacente al centro ma comunque isolata, rimane un campo aperto soprattutto perché i controlli scarseggiano: il cancello di accesso al pallone tensostatico, ad esempio, rimane aperto 24 ore su 24. “E’ necessaria – conclude la dirigenza – maggiore attenzione da parte dell’amministrazione riguardo le strutture e le società sportive del nostro comprensorio, realtà che svolgono un importante ruolo sociale”.

leggi anche
vandali palestra sestri levante
Danno enorme
Sestri Levante, vandalizzata di nuovo la palestra: “E’ la terza volta in cinque anni”