Quantcast
Economia

Prorogato fino a giugno l’accordo tra Regione e Enti locali su ammortizzatori in deroga

Genova. E’ stato prorogato fino al 30 giugno l’accordo tra Regione e Enti locali sugli ammortizzatori in deroga che stabilisce come gestire in Liguria la cassa integrazione e la mobilità in deroga, in attesa della sigla dell’accordo quadro nazionale.
Nel 2010 sono state 7.273 le domande presentate dai lavoratori per ottenere gli ammortizzatori in deroga di cui 6.735 per la cassa integrazione e 538 per la mobilità e 904 le aziende che ne hanno fatto richiesta.

“La proroga di oggi – spiega l’assessore regionale al lavoro, Enrico Vesco – riguarda la gestione degli ammortizzatori sociali da parte delle imprese con meno di 15 dipendenti e cerca di offrire opportunità formative e rafforzare le competenze dei lavoratori”. “Questo accordo fa tesoro delle esperienze maturate in questa regione – continua Vesco – agendo sia sull’impresa, per migliorare la posizione competitiva, sia sui  lavoratori, attraverso nuovi sportelli all’interno dei centri per l’impiego, col nome sportello deroga, per assisterli  a superare il momento di crisi”.

L’intesa è stata siglata oggi alla presenza della Regione Liguria con gli assessori al lavoro, Enrico Vesco, allo sviluppo economico, Renzo Guccinelli, al Bilancio, Pippo Rossetti, della Provincia di Imperia, Savona, Genova e La Spezia, dell’ANCI, della Direzione regionale del lavoro della Liguria, dell’INPS, di Italia Lavoro, dell’Unione delle Camere di Commercio Liguri, delle organizzazioni sindacali regionali, CGIL, Cisl, Uil e Ugl e di tutte le associazioni di categoria della proprietà e del commercio.